Il Giorno del Quantitative Easing

draghiDA OGGI BCE IMMETTE 60 MILIARDI AL MESE FINO A SETTEMBRE 2016.
Secondo la Cgia di Mestre, all’Italia dovrebbero finre 150 miliardi. Il piano dell’Eurotower andrà avanti fino a quando “l’inflazione si riavvicinerà al 2%”. Secondo Bloomber, tra i primi acquistati, titoli di Francia, Germania, Belgio e Italia

I mercati europei aprono con un calo contenuto e Milano è l’unica piazza in leggero rialzo. Ma le Borse, si sa, vivono tutto in anticipo, ed hanno già beneficiato “dell’effetto bazooka”. Così, il grande giorno del Quantitative easing è arrivato. Da oggi e fino a settembre 2016, la Banca Centrale europea procederà all’acquisto di titoli di stato sul mercato, per 60 miliardi all’anno. L’obiettivo, è stabilizzare la moneta unica e rilanciare la crescita. L’acquisto di titoli potrebbe andare avanti finché l’inflazione non tornerà al 2%, ha detto nei giorni scorsi il presidente dell’Eurotower, Mario Draghi. E l’inflazione, che misura l’aumento dei prezzi, è il sintomo che i consumi riprendono e l’economia cresce. L’Euro continua la propria marcia al ribasso verso la parità col Dollaro, scambiato a 1,11 con la divisa statunitense. Un dato da non sottovalutare che potrebbe incoraggiare sempre di più l’export.

Secondo Bloomberg, l’acquisto di titoli sarebbe partito dai titoli tedeschi, italiani, francesi e belga.

L’adozione di una politica monetaria non convenzionale avvicina dunque per la prima volta la Bce, alla Fed, la propria omologa a stelle e strisce.

La Cgia di Mestre, intanto , calcola che di questa mole di denaro, 150 miliardi di Euro andranno a sostegno dell’economia italiana. “L’obiettivo del quantitative easing – rileva il segretario della Cgia, Giuseppe Bortolussi – è quello di ridare liquidità al nostro sistema economico, che negli ultimi tre anni ha subito una contrazione nell’erogazione del credito del 7,4% che, in valore assoluto, corrisponde a una riduzione dei prestiti pari a 110 miliardi di Euro”.

Cosa comprerà la Bce
Negli acquisti del “bazooka”, rientreranno gli Abs e le obbligazioni garantite, e un 12% sarà in titoli di istituzioni europee, ma il grosso è costituito da titoli di debito pubblico, e rigorosamente sul solo mercato secondario per non violare il divieto di finanziamento monetario. Sarà possibile acquistare anche bond sovrani con rendimento negativo, ma non al di sotto del tasso Bce sui depositi che al momento e’ pari a -0,20%. l Qe è suddiviso fra l’Eurotower e gli istituti nazionali (l’80% dei rischi è in capo a loro) che svolgeranno il grosso degli acquisti. Francoforte sorveglierà attentamente gli istituti nazionali con un monitoraggio continuo per fare in modo che vengano rispettate le quote pari al capitale di ciascun paese nella Bce, acquisterà solo titoli che hanno una scadenza tra due e 30 anni e con un rating di “investment grade”. Quindi, tagliata fuori la Grecia fino a quando non verrà ripristinata la deroga sui bond ellenici.

Comments are closed.

L’Eurogruppo sulla Grecia verso la fumata grigia. Tsipras chiama Draghi: non si faccia influenzare

L’Eurogruppo sulla Grecia verso la fumata grigia. Tsipras chiama Draghi: non si faccia influenzare

Bruxelles: la lista delle riforme di Atene non è completa. Via al piano di acquisto titoli della Bce: 60 miliardi di euro al mese per rilanciare il credito e aumentare i consumi

[leggi]

Crisi ucraina, via al vertice Nato in Galles

Crisi ucraina, via al vertice Nato in Galles

A Newport i membri dell’Alleanza pronti a fare i conti con le possibili conseguenze di un’escalation militare. La Russia dispone di 845mila soldati La Nato oggi si trova di fronte a un vertice cruciale per la crisi ucraina, di fronte …[leggi]

“Rimani in Russia”

“Rimani in Russia”

Dopo la condanna di Manning parla il padre di Snowden In una serie di iniziative mediatiche, il padre di Snowden si schiera in difesa del figlio Ed In un messaggio trasmesso dalla tv pubblica russa, Lonnie Snowden ha salutato il …[leggi]

Powered By AK Featured Post