FIOM IN PIAZZA CONTRO JOBS ACT. CAMUSSO CON LANDINI. RENZI: “NO NEWS”

landinicamussoNEL CORTEO ANCHE PARTE DELLA MINORANZA PD. I lavoratori manifestano contro il Jobs act. In piazza, oltre alla Fiom di Landini, anche la Camusso e alcuni esponenti della minoranza Pd. Renzi: Non c’è notizia su una manifestazione contro il governo

Tutto pronto per la manifestazione nazionale della Fiom, a Roma, contro il Jobs act, per “i diritti, il lavoro, la democrazia”. I lavoratori scendono il piazza “perché noi vogliamo unire tutto quello che il governo sta dividendo”, insiste il leader dei metalmeccanici della Cgil e della “coalizione sociale”, Maurizio Landini.

Camusso: Necessità di un piano per il lavoro
I lavoratori quindi tornano in piazza per ribadire che “Le politiche del lavoro del governo Renzi non vanno bene. C’è una straordinaria necessità di un piano per il lavoro”, rimarca il segretario generale della Cgil, Susanna Camusso, che conferma la sua presenza in piazza, ma che non interverrà dal palco di piazza del Popolo, né lo farà un altro rappresentante della segreteria confederale.

Renzi: Nessuna notizia in una manifestazione contro il governo
Il presidente del Consiglio, però, non sembra preoccupato della manifestazione contro il governo a cui prendono parte anche esponenti della minoranza Pd come Stefano Fassina, Rosy Bindi, Pippo Civati e forse Gianni Cuperlo. “Una manifestazione contro il governo, ‘no news’, non c’è titolo. Se guardo agli ultimi sabati mi pare che manifestazioni contro il governo ce ne siano state moltissime”, ha affermato ieri Matteo Renzi al termine del Cdm, con quello che sembra un riferimento anche alla sinistra Pd. Renzi ha chiesto poi di non negare “la realtà dei fatti”, considerando l’incremento delle assunzioni a tempo indeterminato registrato già nei primi due mesi dell’anno grazie agli sgravi fiscali introdotti dalla legge di stabilità a partire da gennaio. Tema e data su cui viene attribuita una gaffe a Landini in tv, sulle diverse entrate in vigore del nuovo contratto a tutele crescenti del Jobs act (da marzo) e l’avvio degli sgravi, previsti da gennaio con la legge di stabilità.

In corteo minoranza Pd, Sel, Idv e Prc
La scaletta degli interventi affida le conclusioni al solo comizio di Landini, ma non mancherà una presenza politica. Oltre agli esponenti della minotanza Pd, ci saranno Sel con il presidente Nichi Vendola, Idv e Prc. La manifestazione non sarà comunque – a detta dello stesso Landini – la prova generale della coalizione sociale che è una proposta ancora da “costruire” (con il prossimo appuntamento che sarà convocato per aprile), ribadisce il leader della Fiom.

Attesi in migliaia
Ad aprire il corteo, che partirà da piazza della Repubblica, saranno i lavoratori di Fincantieri, dietro lo striscione “Fincantieri, giungla d’appalto. Più diritti, salario e sicurezza nei cantieri navali”. Attesi in migliaia: stando ai numeri forniti dalla stessa Fiom, sono oltre 300 i pullman che raggiungeranno la capitale da diverse regioni, dalla Sardegna e dalla Sicilia arriveranno in aereo, altre delegazioni (come l’Ast di Terni) in treno, oltre a chi si muoverà autonomamente.

Landini lancia la possibilità del referendum
Per proseguire la lotta al Jobs act, il sindacato chiede un nuovo Statuto dei lavoratori ma sullo sfondo resta anche la possibilità di arrivare ad un referendum, che Landini rilancia: “Per cancellare leggi sbagliate, se necessario, quando il Parlamento non è in grado di farlo, si può ricorrere anche all’azione diretta dei cittadini con i referendum abrogativi”. Tra gli altri punti al centro della piattaforma sindacale, la riforma delle pensioni con una “drastica” riduzione dell’età di uscita dal lavoro (a 60-62 anni), la lotta alle mafie, alla corruzione e all’evasione fiscale, la richiesta di un reddito minimo garantito.

Comments are closed.

L’Eurogruppo sulla Grecia verso la fumata grigia. Tsipras chiama Draghi: non si faccia influenzare

L’Eurogruppo sulla Grecia verso la fumata grigia. Tsipras chiama Draghi: non si faccia influenzare

Bruxelles: la lista delle riforme di Atene non è completa. Via al piano di acquisto titoli della Bce: 60 miliardi di euro al mese per rilanciare il credito e aumentare i consumi

[leggi]

Crisi ucraina, via al vertice Nato in Galles

Crisi ucraina, via al vertice Nato in Galles

A Newport i membri dell’Alleanza pronti a fare i conti con le possibili conseguenze di un’escalation militare. La Russia dispone di 845mila soldati La Nato oggi si trova di fronte a un vertice cruciale per la crisi ucraina, di fronte …[leggi]

“Rimani in Russia”

“Rimani in Russia”

Dopo la condanna di Manning parla il padre di Snowden In una serie di iniziative mediatiche, il padre di Snowden si schiera in difesa del figlio Ed In un messaggio trasmesso dalla tv pubblica russa, Lonnie Snowden ha salutato il …[leggi]

Powered By AK Featured Post