Woody Allen ‘Sono un fallito di talento’

di Massimo Galimberti Woody Allen è a Roma con moglie e jazz-band al seguito per presentare ‘Hollywood Ending’, l’ultimo suo lavoro, che esce nella sale italiane il 31 ottobre. Nel film Allen interpreta Val Waxman, un famoso regista caduto in disgrazia, costretto a tirare avanti dirigendo improbabili spot televisivi. Quando finalmente arriva l’occasione di girare con un grande produttore, Waxman perde la vista per cause psicosomatiche. Ma grazie alla complicità della ex moglie trova il modo per realizzare ugualmente il film senza che gli altri si accorgano della sua cecità. Da molti anni lei non veniva in Europa per presentare i suoi film. Questa volta non solo ha presieduto a Cannes alla presentazione ufficiale ma addirittura è venuto a Roma. Cosa è cambiato? E’ una cosa che ho fatto per due ragioni principali. Innanzi tutto per una certa fedeltà nei confronti di chi distribuisce il mio film. Non è che mi piaccia molto andare in giro a parlare del mio film, a suggerire quanto è bello, a dire di andarlo a vedere; però nel corso degli anni è diventato sempre piùdifficile e costoso distribuire in sala un film, riuscire a pubblicizzarlo adeguatamente. E questo perché i costi di certe operazioni aumentano di anno in anno. Così io cerco di fare un discorso di collaborazione nei confronti di coloro che devono assolvere questo compito e che chiedono spesso a chi ha partecipato al film di collaborare alla promozione. E’ una questione di responsabilità, per me sarebbe molto piùfacile distanziarmi dal film una volta finito, dire che queste cose non le faccio; ma oggi fare questo non è piùpossibile. Inoltre c’è una ragione piùpersonale. A mia moglie piace viaggiare, girare per Roma, Parigi, Londra, Berlino, e siccome quello che fa felice lei fa felice anche me allora lo faccio.

Per quanto riguarda la scelta di andare in Francia devo dire che i francesi mi hanno sempre dimostrato un enorme sostegno, mi hanno sempre appoggiato e sono sempre stati molto interessati a tutti i miei film. Io credo in questo affetto, mi fido di loro ed è un affetto, una fiducia che ricambio. A me piace prenderli in giro ed a loro piace essere presi in giro da me. E’ noto il fatto che solo alcuni dei suoi attori ha il privilegio di leggere l’intera sceneggiatura del film in lavorazione. Perché questa scelta? Non credo che sia necessariamente un privilegio leggere l’intera sceneggiatura di un film. Ovviamente se l’attore ha un ruolo importante, da protagonista deve leggere l’intera sceneggiatura per rendersi conto dell’intera struttura del film. Ma se si tratta di un attore che interpreta un piccolo ruolo allora non credo che sia necessario. Del resto se un attore è presente solo in cinque pagine di una sceneggiatura non gli interessa neppure leggerla tutta, anzi, capita spesso che scorra rapidamente le parti che non gli interessano per leggere con attenzione solo quelle in cui è presente. Sinceramente non mi è mai capitato che qualcuno venisse da me a pregarmi di leggere l’intera sceneggiatura. E poi sono io che alla fine so come si inserisce quella parte in tutto. Credo che una conoscenza globale rischi di togliere spontaneità: se sanno tutti le stesse cose, se tutti sanno come va a finire, togli spontaneità all’azione. Lei è regista, attore, persino in un certo senso musicista. Quale è il ruolo piùfacile da ricoprire? Io in realtà non recito, non sento di recitare, posso dire che Dustin Hoffman è un attore, che Jack Nicolson è un attore, ma io non sarei mai in grado di fare quello che fanno loro. Faccio le piccole cose che so fare, magari sono anche divertente, ma non sarei mai in grado di fare quello che fanno loro. Dirigere mi piace molto, ma la cosa piùstimolante per me è scrivere, scrivere le sceneggiature. In realtà credo di recitare e dirigere semplicemente perché così sono certo che la mia sceneggiatura viene fedelmente riproposta all’interno del film. Se potessi fare a meno di recitare lo farei volentieri. Per quello che riguarda invece il mio ruolo di musicista, sono certo di non avere sufficiente talento per essere un musicista jazz. Mi piace suonare, ho passione, ma non ho talento e se non fosse per il fatto che sono una celebrità nessuno mi verrebbe a sentire suonare. La gente viene per il fatto che ha visto i miei film, viene per guardare, non per ascoltare. E non è una questione di falsa modestia i componenti della mia banda sono dei buoni musicisti io sono soltanto mediocre. Se dovessi dare una definizione di quello che faccio direi che sono un artista fallito. Molti dei suoi film tematizzano al loro interno il cinema. Questo film accentua questo tema ed acuisce le sue critiche nei confronti di Hollywood… Io sono sempre stato molto critico, forse anche troppo, nei confronti di Hollywood. Il fatto è che ho sempre ritenuto che a Hollywood si spendessero troppi soldi, si fanno molti film ma solo pochi sono bei film. Avere grossi incassi, grossa visibilità, non significa fare buoni film. Se provo a fare un confronto con i film europei con cui sono cresciuto da ragazzo, devo dire che questi sono film molto piùoriginali, sono molto piùricchi di immaginazione, sono film molto importanti per lo sviluppo del cinema come arte. Ci sono elementi che non trovi quasi mai nei prodotti hollywoodiani perché Hollywood si definisce un’industria e come tale si comporta. E’ un’attività che si concentra sui guadagni e sulle perdite. E’ una critica che emerge nelle mie chiacchierate, nel mio lavoro, nelle mie battute. Ho sempre vissuto a New York, non mi sono mai considerato parte di Hollywood, lì molti amici, le considero persone simpatiche, se vado da loro per qualche giorno sto anche bene ma non è mai stato un luogo in cui mi sono sentito a mio agio. Molti registi americani quando vengono in Europa parlano male di Hollywood. Allora perché non se ne va e viene a vivere qui? Noi viviamo in un sistema in cui dobbiamo lottare duramente non solo per fare film ma anche per realizzare ciò che ci farebbe piacere vedere. Non è solo un problema che ho in quanto regista: se sei una persona mediamente intelligente fai fatica a trovare un film da vedere, un film che valga la pena vedere. Questo soprattutto se si considera che vengono prodotti centinaia di film in cui vengono spesi milioni di dollari e poi come regista devi lottare per avere una briciola, una minima parte di controllo. Circa il discorso di venire a vivere in Europa, non è certo una cosa facile chiudere tutti i ponti e venire a vivere qui. E’ una possibilità che io per anni ho preso in considerazione ma certo non è una decisone facile. Io ho scelto di vivere a New York, di stare lì; e da lì riesco a gestire la mia vita negli Stati Uniti in modo abbastanza sereno, riesco a gestire la mia vita in modo da avere una certa libertà artistica e questo nonostante il sistema. Il film si basa su una metafora molto forte, quella di un regista che gira senza vedere nulla… Sono stato sempre convinto che la vera arte derivi dall’inconscio, non è necessario vedere per creare, per creare arte. L’arte non è il risultato di elementi superficiali come i sensi, è qualcosa che viene dall’interno, qualcosa che deriva dall’inconscio. Non credo sia possibile coscientemente trasformare, manipolare qualcosa perché diventi opera d’arte perché altrimenti verrebbe fuori soltanto una cosa stantia, una cosa fatta ad arte come dei compiti fatti a casa, senza un’anima propria. Un personaggio del suo film afferma che un regista che gira senza pensare al suo pubblico non realizza un dialogo ma un monologo… Io non la penso affatto allo stesso modo. Ho utilizzato questa battuta come elemento di conversazione, in occasioni mondane come quella sono purtroppo quelli gli argomenti su cui si discute, si parla di arte in modo estremamente superficiale. Io invece ritengo che un regista debba fare film soprattutto per se stesso, debba fare tutto quello che è necessario per rimanere fedele alla sua visione, se poi questa visione piace al pubblico è fortunato. Io trovo che ci sono tantissimi artisti di successo che sono stati fortunati. Se guardiamo Buster Keaton, Kurosawa, Marlon Brando, sono grandi artisti che hanno fatto quello che hanno fatto senza pregiudizio, senza preconcetto e sono stati fortunati perché sono riusciti a dare uno speciale contenuto all’arte. Ci sono poi artisti che hanno un pubblico ampio come ad esempio Dickens che è letto, studiato, amato dagli studenti, da un folto pubblico ed artisti invece come Joyce o Eliot che hanno un pubblico piùristretto. Il successo è dovuto alla fortuna ed anche un po’ al capriccio. Lei ha affermato di voler ritornare a girare film piùintimisti. Perché? Voglio fare film che finora non ho fatto. L’idea è di realizzare comunque delle commedie, non obbligatoriamente film drammatici, delle commedie con un tocco piùserio. Negli ultimi anni ho realizzato film leggeri che erano il risultato di idee divertenti che avevo e che credevo sarebbe stato divertente realizzare. Ora vorrei spostarmi su film piùseri. Ho appena girato a New York Anything Else, con Cristina Ricci, Danny De Vito, me stesso che è sempre una commedia ma con un po’ piùdi sofferenza, una commedia un po’ piùseria. Il fatto è che voglio mantenere interesse per il mio lavoro, se facessi sempre lo stesso film mi alzerei la mattina cercando qualcosa di diverso, di cambiare genere. Cerco di mantenere una certa freschezza. In riferimento ad Hollywood Ending, quale è il film che ha girato senza vedere e che invece è stato salvato dalla critica? Nel corso degli anni ho potuto notare che sono pochissime le correlazioni tra quello che è il mio giudizio sul mio lavoro e quello che è il giudizio del pubblico o della critica. Ci sono stati dei lavori che io credevo ottimi, in cui credevo di aver ottenuto quello che volevo dall’inizio e invece poi ho ricevuto critiche che trattavano male il lavoro. Altre volte ho realizzato film che mi avevano deluso e che invece hanno avuto molto successo. Un caso esemplare credo che sia stato ‘Manhattan’. Era un film che ho girato con un immenso amore per New York, con tantissima passione per la mia città. Veniva fuori dal mio desiderio di fare un film su New York di trattarla come una star al livello della Hemingway della Keaton o di me stesso. Quando l’ho finito mi sono reso conto che per molti aspetti ero stato assolutamente cieco agli effetti che avrebbe potuto avere sul pubblico e sulla città. Poi il film è uscito ed ha riscosso un grosso successo da parte di pubblico e critica.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Politica della Privacy

Questo sito internet, urla.com e tutte le informazioni personali raccolte dagli utenti di questo Sito, sono proprietà esclusiva di urla.com. In questo documento di Politica della Privacy ogni riferimento a "noi", "ci", "nostro", sono riferimenti a urla.com.

La privacy dei nostri utenti per noi è una cosa seria.

Questo documento di "Politica della Privacy" (la "Politica") sintetizza come gestiamo le vostre informazioni personali ed è parte integrante dei "Termini e Condizioni d'Uso" del Sito. Questa Politica si applica solo a questo Sito e non alla raccolta e all'uso delle informazioni personali che potrebbero essere effettuate da qualsiasi terza parte attraverso qualsiasi altro sito web per il quale esistano collegamenti sul nostro sito.

Noi non siamo responsabili per le politiche della privacy di altri siti web e vi incoraggiamo a rendervi conto di quando lasciate il Sito.

Consenso

Il vostro uso di questo Sito, implica il consenso alla raccolta e all'utilizzo da parte nostra delle informazioni (a volte anche personali) che vi riguardano, nei termini indicati con questa Politica.

Che informazioni raccogliamo?

Potete accedere alla home page di questo Sito e navigare all'interno del Sito senza rivelarci alcun dato personale.

Per potervi fornire alcuni determinati servizi, però, potremmo aver bisogno di raccogliere alcune specifiche informazioni personali, che vi richiederemo se e quando necessario. In questi casi vi richiederemo esplicita autorizzazione al trattamento dei dati forniti (ad esempio nella pagina di registrazione).

Come utilizziamo le vostre informazioni?

Tutte le informazioni personali che vi riguardano saranno usate e registrate da noi nel rispetto della corrente normativa sul "trattamento dei dati personali" e secondo questa Politica.

Possiamo utilizzare le vostre informazioni personali per comunicare con voi, ad esempio per farvi sapere dell'esistenza di nuove funzioni e attività su urla.com, per realizzare indagini statistiche e, in forma aggregata (e quindi anonima) per attività di marketing, per tracciare le attività sul nostro sito, per pubblicare informazioni sulle pagine preferite e/o per migliorare l'utilità e i contenuti e per qualsiasi altro scopo che vi comunicheremo.

Possiamo gestire una o più mailing list, per inviarvi notizie relative al mondo urla.com . Queste mailing list sono "opt-in", il che significa che chi desidera esservi incluso deve iscriversi alla specifica lista.

Noi mandiamo email solo agli indirizzi che si sono iscritti ad una specifica lista. Noi non facciamo "spam".

Se desiderate cancellarvi da una lista (Cancellazione parziale), potete farlo dalla pagina di registrazione del sito o inviarci un email a info@urla.com .

Noi non condividiamo, né concediamo in uso a terzi né vendiamo i vostri indirizzi email.

Ci riserviamo il diritto di consegnare le vostre informazioni personali a chiunque dovesse prendersi carico della gesione del Sito o acquistasse in tutto o in parte le nostre proprietà, che includono i vostri dati personali. In questo caso sarete informati della cessione e potrete cancellare i vostri dati.

Ci riserviamo il diritto di consegnare le vostre informazioni personali all'autorità giudiziaria che ne facesse richiesta nell'ambito di una indagine ufficiale, una volta che fossimo ragionevolmente certi delle circostanze che riguardano la richiesta.

Ci riserviamo altresì il diritto di accedere e consegnare le vostre informazioni personali allo scopo di obbedire alle leggi in vigore e a legittime richieste da parte del governo, per far funzionare correttamente i nostri sistemi e per proteggere i nostri utenti e noi stessi. Ad eccezione di quanto esplicitamente dichiarato in questa Politica, non venderemo, né condivideremo, né concederemo in uso le vostre informazioni personali senza il vostro espresso consenso.

Sicurezza

Prendiamo ogni possibile precauzione per proteggere le vostre informazioni personali. Inoltre abbiamo protocolli di sicurezza per proteggere il nostro database degli utenti da accessi non autorizzati, uso improprio, modifiche non autorizzate, distruzione illegale o cancellazioni accidentali.

Noi consentiamo l'accesso al database dei nostri utenti solo quando assolutamente necessario e anche allora secondo regole severe riguardo a cosa si può fare di tali informazioni. Potremmo dovervi chiedere di dimostrare la vostra identità prima di darvi accesso a informazioni anche se vi riguardano.

Sondaggi

Il nostro scopo è di migliorare costantemente il servizio che offriamo. Di conseguenza potremmo occasionalmente intervistare i nostri utenti, utilizzando dei sondaggi.

La partecipazione ai sondaggi è volontaria, e non siete in alcun modo obbligati a rispondere alle domande che potreste ricevere da noi. Se decideste di rispondere, tratteremmo le informazioni che ci fornireste secondo gli stessi standard elevati con cui trattiamo tutte le altre informazioni personali degli utenti.

Attività La vostra partecipazione al nostro Sito significa che potremmo contattarvi per invitarvi a partecipare ad attività, giochi o concorsi. La partecipazione a qualsiasi attività del Sito è volontaria e non sarete in alcun modo tenuti a rispondere ai nostri inviti. Se decideste di partecipare a una nostra attività, tratteremmo le informazioni che ci fornireste secondo gli stessi standard elevati con cui trattiamo tutte le altre informazioni personali degli utenti. Cookie Quando visitate uno dei nostri Siti potremmo inviare un "cookie" al vostro browser. L'uso dei cookie non è in alcun modo collegato ad alcuna informazione personale raccolta durante la navigazione del Sito. Un cookie è un piccolo documento che è memorizzato sul disco fisso del vostro computer a scopo di archivio. Possiamo utilizzarli per fare diverse cose: ad esempio i cookie possono servire a mantenere statistiche anonime dei servizi da voi preferiti o dei percorsi che seguite durante la navigazione nel Sito. Quando i cookie sono utilizzati in questo modo, non siete identificati individualmente e qualsiasi informazione raccolta in questo modo è utilizzata solo in forma aggregata (statistica). Alcuni dei nostri partner commerciali (ad esempio licenziatari e sponsor) potrebbero utilizzare dei cookie sul nostro Sito (nei banner pubblicitari) o sui loro siti raggiungibili dal nostro tramite link. Noi non abbiamo accesso né possiamo controllare questi cookie. Non siete obbligati ad accettare i cookie da noi, né da alcun altro sito web e potete impostare il vostro browser perché non accetti i cookie, anche se in questo caso alcune funzioni del Sito potrebbero non essere disponibili. Correzione e aggiornamento dei dati personali Se i vostri dati personali cambiano o se credete che le informazioni nei nostri database che vi riguardano non siano corrette, potete aggiornarle accedendo come utenti registrati al vostro profilo o scrivendo a info@urla.com . Cancellazione parziale Speriamo che il nostro Sito e i servizi che offriamo vi piacciano. Potete comunque richiedere che i vostri dati personali non siano utilizzati nei modi riassunti sopra. Questa operazione è chiamata "cancellazione parziale" e può essere fatta in uno dei seguenti modi: - accedendo come utente registrato al vostro profilo, disabilitando i box relativi agli usi di dati non desiderati e salvando; - scrivendo a info@urla.com, indicando i servizi di cui non volete più fruire. Cancellazione totale In qualsiasi momento potete richiedere che i vostri dati personali siano completamente cancellati dai nostri database. Questa operazione è chiamata "cancellazione totale" e può essere fatta in uno dei seguenti modi: - accedendo come utente registrato al vostro profilo, selezionando l'opzione di cancellazione del profilo e seguendo le istruzioni; - scrivendo a info@urla.com , e seguendo le istruzioni che vi verranno fornite. Aggiornamenti del Sito e dei suoi servizi In quanto iscritti al Sito potremmo inviarvi messaggi che riguardano aggiornamenti relativi al Sito e ai suoi servizi. Se volete cancellarvi da questa mailing list, dovete effettuare la cancellazione totale. Notifiche di cambiamento Nel caso dovessimo modificare la nostra "Politica della Privacy", lo comunicheremo nella nostra home page. Supporto alla Privacy In caso di dubbi che riguardano la nostra "Politica della Privacy", potrete contattarci al nostro indirizzo email info@urla.com .


cookie & urla.com

urla.com utilizza i cookie, per semplificare e migliorare la navigazione. Cosa sono i Cookie? I cookie sono delle informazioni scambiate tra il server di urla.com e il tuo computer. Permettono di creare delle statistiche sulle aree del sito visitate dagli utenti in modo anonimo e vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi al sito stesso alla visita successiva.

I tipi di cookie che utilizza urla.com

Cookie funzionali Questi cookie sono essenziali al fine di consentire di spostarsi in tutto il sito ed utilizzare a pieno le sue caratteristiche. Cookie statistici e di performance Questi cookie raccolgono informazioni su come gli utenti utilizzano un sito web, ad esempio, quali sono le pagine più visitate, se si ricevono messaggi di errore da pagine web. Oppure indicano che si è arrivati su urla.com dopo aver ricercato una determinata parola su un motore di ricerca. Questi cookie non raccolgono informazioni che identificano un visitatore. Tutte le informazioni raccolte tramite cookie sono aggregate e quindi anonime. Come Google Analytics e Google Tag Manager Cookie sociali All'interno di alcune pagine (ad esempio il dettaglio di una notizia) ti consentono di condividere sulla tua bacheca facebook o sulla tua timeline twitter un indirizzo di urla.com.

Google Analytics e Google Tag Manager

urla.com e i suoi sottodomini utilizzano Google Analytics, un servizio di analisi web fornito da Google , Inc. ( "Google") . Google Analytics utilizza dei "cookies" , che sono file di testo depositati sul Vostro computer per consentire al sito web di analizzare come gli utenti utilizzano il sito . Le informazioni generate dal cookie sull'utilizzo del sito web ( compreso il Vostro indirizzo IP anonimo ) verranno trasmesse e depositate presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizzerà queste informazioni allo scopo di esaminare il Vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito per gli operatori dello stesso e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di internet. Google può anche trasferire queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google. Il sito web urla.com può utilizzare i cookie tecnici di terze parti riportati nella tabella seguente

Blog/portale      Cookie                                 Tipo        Utilizzo

urla.com              urla                                   tecnico       Tuo profilo

urla.com             Doubleclick                                           Analitycs

urla.com             Google Tag Manager                             Analitycs

urla.com             Google Analytics                                    Analitycs

urla.com             Instagram                                              Analitycs

urla.com             Youtube                                               Analitycs

urla.com             Facebook                                            Analitycs

urla.com             Twitter                                                Analitycs

Come modificare le impostazioni sui cookie? La maggior parte dei browser Internet accetta i cookie automaticamente, ma e' possibile modificare le impostazioni del browser per cancellare i cookie o impedirne l'accettazione automatica. Puoi anche rifiutare l'uso dei cookie ma in questo caso, la possibilita' di fornirti informazioni e servizi personalizzati sara' limitata, o alcune funzionalita' del sito potrebbero non funzionare correttamente ed alcuni dei servizi non essere disponibili. Di seguito una serie di link alle guide per le impostazioni relative ai cookie dei principali browser.

Chiudi