BEPPE GRILLO: il suo quarto DISCORSO ALL`UMANITÀ, del 31/12/01

By Beppe Grillo Auguri anche a Lei Presidente… Lei è l`unico Presidente, il Presidente della Repubblica. Perché qui siamo pieni di presidenti che non ce la facciamo più! Cara umanità, esuberi, flessibilità, risorse umane! Ogni anno ci vediamo… e quest`anno la posizione è un po` strana (il comico è ribaltato di 180°) ma non vi fate ingannare, la posizione è strana perché il mondo è strano. Ho una crisi di personalità… per anni sono andato avanti a fare monologhi sulla realtà e allora mi stupivo… non capisco i fatti mi dicevo.. sono io che sono fuori di testa… il mondo sta andando avanti così, sono io che sono un disadattato. Ma adesso. mi sta succedendo qualcosa, e sta succedendo a tutti! Abbiamo un destino che è messo in crisi da degli ometti: le tre B: Bush, Bin Laden e… questo ometto che si agita, che si fa chiamare il Presidente; è da tutte le parti e in nessun luogo. È a Bruxelles, parla d`aforismi, va in Belgio e dice: “Tu dare soldi, noi dare cammello“. Si è occupato di tutto, lavora 18 ore al giorno…

Questo povero Dorian Gray che non ce la fa più. Io ho dei seri problemi a capire questo mondo che sta andando alla rovescia… Ma forse è la realtà che sta andando alla rovescia, l`unica cosa diritta sono io… (la telecamera si capovolge e si scopre Grillo raddrizzato e i mobili incollati al soffitto) E allora noi che siamo la patria del diritto siamo diventati in poco tempo la patria del rovescio. Il diritto si è rovesciato. Oggi i fuorilegge scrivono le leggi, i malfattori giudicano i giudici e il destino dei magistrati è nelle mani delle sentenze degli avvocati. Allora ci abitueremo a scene magari incredibili, dove non so… il mafioso esce faccia in su facendosi fotografare… entrare nella sua limousine e andare via con la scorta della Polizia. E nella via dietro… uscire il giudice, col cappotto tirato su per non farsi riconoscere, come un mafioso, e infilarsi nella sua Tipo con l`unica scorta che si può permettere: sua moglie o la sua vecchia zia dentro, e andarsene da solo. Il diritto si è rovesciato, e allora tutte queste parole strane. democrazia, libero mercato… che doveva portare il benessere… Ditelo all`Argentina! Ditelo all`Argentina! Dieci anni fa sentivano gli stessi discorsi che sentiamo noi dal nostro governo. Andate nei supermercati, il futuro è nel supermercato. Guardate cosa fanno le culture occidentali… Guardate Gerusalemme… tra culture differenti: si ammazzano da decenni. Guardate la pacificità, la tolleranza di un supermercato. dove il massimo che ti può succedere di violenza è scontrarsi col tuo carrellino. E allora, ecco, ditelo all`Argentina… Dicevano: Andate nei supermercati! Prendete le vostre maggiori offerte. Comprate 4 e pagate 3, comprate 3 e pagate 2… La settimana scorsa sono entrati hanno preso 4 e pagato un cazzo! Questo è il grande libero mercato. E allora si fanno le riforme, istituzionali, costituzionali, le Grandi Riforme… e allora Dorian Gray, che io chiamo affettuosamente così come nel libro di Oscar Wilde dove chi invecchiava era il quadro e lui rimaneva giovane… invece qui… abbiamo un Berlusconi che è alla rovescia: invecchia lui e ringiovanisce la sua immagine, dicevo… Dorian Gray ha fatto queste grandi riforme: quella del falso in bilancio che da oggi si chiamerà credo contabilità creativa. La legge sulle rogatorie. Abbiamo detto ai giudici svizzeri che sono imprecisi: se un giudice svizzero per fare un`indagine ci manda dei documenti firmati solo in fondo e non timbrati pagina per pagina, noi glieli mandiamo indietro perché possono essere artefatti!. Il grande governo che doveva sburocratizzare il mondo è diventato il partito dei timbri! E abbiamo fatto la riforma fiscale: dai 200 milioni in su si paga il 33%, dai 200 in giùsi paga il 23% di tasse. Faremo la privatizzazione della sanità. Ai ricchi diremo: dica 33 ai poveri: 23. Robin Hood alla rovescia! Quindi uno che guadagna 200 milioni paga il 33 come Dorian Gray che guadagna 300 miliardi! Ma è strepitoso! Tutto sotto i nostri occhi! Questa democrazia… che arriva dagli Stati Uniti… che hanno avuto un dramma straordinario, per l`amor di Dio: le due torri… Ma se non c`erano le due torri bisognava inventarsi qualcosa di simile… Qui ci vogliono far credere che sia una guerra di religione… ma si può parlare di guerra santa…? Guerra solidale? La parola solidarietà che significato ha? Prendo un giornale, c`è un`enorme pubblicità… Guarda… c`è una mano bianca che prende un bambino piccolissimo nero… Bellezza della solidarietà! Organizzato dal gruppo Vella… donna… europea e occidentale vieni! Vieni da noi, stilisti del capello… fatti fare un taglio per solidarietà… fatti depilare per solidarietà… strappati le unghie per solidarietà… Allora la parola cosa diventa? Magari c`è la buona fede, per l`amor di Dio… Si allevieranno situazioni del Terzo, Quarto, Quinto Mondo, ma noi stiamo inculcando un concetto di solidarietà che è completamente fasullo! Le donne crederanno che fare del bene è farsi laccare le unghie dei piedi da un parrucchiere… E ancora, l`informazione che dovrebbe essere quella che controlla il Governo… E` l`esatto contrario: è il Governo che controlla i media. Vediamo qual è l`informazione: noi leggiamo un giornale su 10, un tedesco ne legge 5 su 10, un giapponese 30 su 10 perché li legge 7 volte l`uno… La nostra cultura è fatta per contatti televisivi e la poca cultura dei giornali è fatta così. Guardate come si può manipolare con lo spazio: manifestazione di 20.000 persone… vedete le proporzioni, la fotografia è grossa lo scritto è piccolo… Sullo scritto: 20.000 stanno manifestando e venti spaccano le vetrine… ma la foto grande riprende non i 20.000 ma i venti. Questo è manipolazione, non è cambiare i fatti, è proporli come si vogliono. Si può manipolare con il colore, noi siamo un popolo che vuole il colore… e contro i colori non è come le parole.., le parole le puoi smentire… un`immagine non la puoi smentire! Guardate: il bene viene dipinto a colori: il bambino con la bandiera americana. Siamo tutti contro il terrorismo… in quella grande manifestazione che ha fatto il Governo in piazza. Io tutte le manifestazioni che vedo in televisione mi fanno paura… Le fanno nella Corea del Nord, Fidel Castro a Cuba… E io vedo il bambino a colori e in quarta la bandiera strappata in bianco e nero. Qui erano in 100.000 e qui in 40.000: però l`immagine che rimarrà sarà il bambino colla bandierina. Bello, biondo. Ecco cos`è la manipolazione. Noi parliamo di civiltà superiori… parliamo veramente di civiltà superiori? Ora ve la faccio vedere la civiltà superiore… come vediamo noi… oooh… le povere donne afgane…! i burqa… sì. sì… Come vedono i giornali le povere donne? Eccola qua…la civiltà superiore: una donna negra che beve un vino bianco.., queste sono le idee dei creativi.., ce li abbiamo al governo. La donna negra visto che è negra è senza reggiseno, perché le tette delle negre sono tette qualsiasi, mentre su un altro giornale spicca, straordinaria, la donna bianca e in quanto bianca è leggermente velata… Questa è pubblicità colonialista! Ecco come vediamo la guerra: (mostra una recente copertina di Panorama sulla guerra con Martina Colombari nuda) da un giornale del capo del governo edito dalla sua casa editrice, ecco il modo di vedere la guerra: carri armati e FIGA! Straordinario! E noi siamo entrati in guerra con una manifestazione televisiva di piazza: Sembrava il festival di Sanremo, eravamo tutti entusiasti… la solidarietà… e arriva Bocelli che canta, arriva la Loren e Alberto Sordi…, come fa a essere una cosa seria? Mancava il Telegatto..! E allora sono io capovolto o sono le cose? Io voglio dirvelo, raddrizzatevi! Le parole non hanno piùsignificati… globalizzazione… La globalizzazione c`è sempre stata. Cristoforo Colombo è stato il primo globalizzatore quando ha portato i pomodori di qua! La globalizzazione è intesa come fatto naturale, come il tempo, il clima… ma noi stiamo parlando, non di quella intransitiva… ma transitiva: chi globalizza cosa… E` un mondo globalizzato che parla l`inglese, l`americano… Io non so se sia peggio l` Europa o gli Stati Uniti… Ma quando sento Bossi…che è ministro! Bossi è diventato ministro!. che dice: Europa forcaiola. Lui! Uno che si puliva il culo col tricolore… e l`ho visto con la bandiera america che diceva Europa forcaiola.. Quale forcaiola? Sono gli Stati Uniti che hanno fatto fuori sulla sedia elettrica 120 persone quest`anno. È Bush che ha ucciso 120 persone, si o no? Noi non abbiamo la pena di morte. Bush è il piùgrande serial killer della storia! Noi difendiamo una democrazia dove 6 milioni di persone..: 2 sono in galera e 4 sono agli arresti domiciliari. Negli Stati Uniti dicono che hanno pochi disoccupati, per forza! li arrestano tutti. È tutto alla rovescia… e io credo che ci voglia un segnale. Ci han fatto credere che questa è una guerra santa… siamo entrati in guerra e non ce ne siamo neanche accorti con una manifestazione… tutti in Afghanistan. Adesso a gennaio le truppe italiane dovranno intervenire in terra… Non sugli aerei. Questa è la guerra del bene contro il male. È la guerra dei grassi contro i magri! Quale Terzo Mondo…? I grassi e i magri… Stiamo male tutti e due: noi perché mangiamo troppo, loro perché non mangiano nulla. I grassi bombardano da 5000 metri e tirano giùsui magri delle molotov da 7 tonnellate… che solo menti malate le poteva concepire… neanche il ministro Alemanno che le tirava da piccolo poteva concepire una molotov così. Bombe che uccidono migliaia di magri… ma nella TV dei grassi i magri non fanno notizia perché sarebbero notizie antipatriottiche. Dicono che i grassi sono coraggiosi… se sganciano da 5000 metri le molotov da 7 tonnellate, mentre i magri che si fanno esplodere sono dei codardi. E allora è un concetto che non capisco: bene contro il male… Dio, Allah. basta! Ci voglio far credere che sia una guerra di religione, di culture…Ma qua è una guerra di petrolio! Ora vi faccio vedere quanti sono i petrolieri nel governo di Bush (mostra una foto con 6 persone, tra cui Geroge W. Bush, Rob Powell, Condoleezza Rice). Sono tutti petrolieri! Ora dovete sapere che negli Stati Uniti hanno l`1% del petrolio e consumano il 30% di tutte le risorse del resto del mondo… ma ne hanno solo l`1% e… da qualche parte dovranno pur andarlo a prendere. Il Caspio è il regno del petrolio. Il 65% del petrolio è lì nel Mar Caspio e i caspiti o caspidi consumano solo l`1%… Dovevano andarselo a prendere, gli americani! Dovevano fare qualcosa. Già a marzo si parlava di guerra in Afghanistan! Il vice direttore dell`FBI O`Neil faceva delle indagini in Arabia perché pensava che il terrorismo fosse lì, e infatti… i fatti gli han dato ragione, perché su 19 terroristi 15 erano arabi e 4 egiziani. E noi cosa facciamo? Bombardiamo l`Afghanistan. O`Neil sapeva, ma tutte le sue indagini venivano insabbiate dai petrolieri americani.., allora lui s`è dimesso e per premio, per il lavoro che aveva fatto, Bush gli ha dato un bell`ufficio all`82° piano delle due torri. Noi siamo entrati in guerra, dobbiamo sbarcare… Il ministro Ruggiero preoccupatissimo ha detto: “Noi non possiamo fare la guerra se non abbiamo delle garanzie!“ Ma le garanzie, Ruggiero!, si hanno in tempo di pace non di guerra! Tu dovevi continuare a giocare a golf al WTO… E noi ci mandiamo battaglioni, con le nostre tecnologia straordinarie… gli elicotteri che vanno di notte. Li avete visti i nostri elicotteri… i nostri soldati che li facevano scendere… sembravano a 10 centimetri poi erano a 60 metri! Abbiamo visto il battaglione Tuscania, i nostri valorosi guerrieri. Il Tuscania, quello che è venuto al G8… doveva sedare una rivolta, si sono persi a Genova! Hanno dovuto chiedere a un tassista dove dovevano fermare i rivoltosi, e li abbiamo mandati in Afghanistan! Non li troveremo più… Dovremo attivare un Chi l`ha visto? afgano… E cosa ha detto il nostro Dorian? il nostro grande statista mondiale? Cosa faremo dopo aver fatto la pace in Afghanistan? La televisione. La televisione! Gli daremo Biscardi che parlerà in afgano, che tanto è lo stesso. Costanzo col burqa che sembra un comodino col pizzo. Gli daremo Il Grande Fratello… Loro penseranno che sarà Bin Laden e invece è Marina… vedranno Marina o Cinzia o Ugo e diranno: questa è la grande civiltà. I terroristi vanno combattuti ovunque siano, e i paesi che li ospitano saranno i nostri nemici, saranno bombardati. Benissimo! Il Paese che deve essere bombardato per primo sono gli Stati Uniti. Hanno la scuola di guerra in Georgia: Fort Ben ha forgiato e plasmato i piùgrandi dittatori, torturatori, assassini degli ultimi 50 anni: Gli squadroni della morte, il dittatore giapponese in Perù, quelli che hanno ucciso il cardinal Romero, quelli in Salvador, in Guatemala sono usciti da una scuola militare in Georgia. Come l`hanno chiamata? Non “scuola di guerra“, no: Istituto per la Cooperazione e Sicurezza dell`Emisfero Occidentale… Il Cepu… Bello… straordinario… col tutor per uccidere e torturare. L`occidente: un`altra parola che si sono inventati gli occidentali. L`Occidente è solo un punto di vista, non c`è niente di geografico (fa girare il mappamondo sulla scrivania appesa al soffitto): io vedo il Polo Nord, il Polo Sud… non vedo un Polo Est, un Polo Ovest. Tu sei sempre a occidente di qualcuno… è un punto di vista che non vuol dire nulla… occidente da cosa? Un californiano per essere occidentale va in Giappone, il giapponese va in Cina, il cinese in India, l`indiano va in Arabia, l`arabo in Africa. E l`africano sta lì perché non sa piùdove andare. Dorian Gray fa quello che può: “Siamo tutti americani, come ha detto John Kennedy a Berlino“. Eh, Dorian Gray è l`unico che riesce a dire tre balle in due parole… Siamo tutti americani… Ma Kennedy non si è mai sognato di dire quelle cose! Kennedy ha detto: Io sono berlinese, che è un altro significato. Ma noo! Per lui le parole sono così. E` creativo! L`euro. L` Europa è due anni che sta commerciando con l`euro. Non c`è il popolo europeo però abbiamo già la moneta. Perché parole come diritto, cultura sono superflue, non ci servono più, ci serve consumare le stesse cose! I commercianti poi hanno già arrotondato in modo da farci sentire a nostro agio: 54,4? A 55 ! Preciso. Queste bandiere… Allora è meglio prenderne una come a detto Gino Strada… dice che ha le idee confuse… E` l`unico che ha idee dritte! “Non voglio i soldi da chi butta le bombe, se devo ricucire quelli che frantuma con le bombe!“ Prendete una bandiera, bianca, uno straccio di bandiera, senza odi, religioni, senza dire il bene contro il male. Cosa vuol dire il bene contro il male? Quando il bene fa piùmorti del bene perché devo scegliere il bene? E come prendere un cannibale, giustiziarlo poi mangiarselo, così impara! Gino Strada, vogliamo manifestarti il nostro affetto, quindi sventolo la tua bandiera bianca senza ideologia. E un appello a Dio. Mi sono montato la testa. Dio vieni giù. Ma non mandare tuo figlio; vieni tu di persona, perché non sono piùcose da ragazzi. Aspettiamo che vieni tu. Grazie a tutti. Buon anno. VITA & OPERE di un fustigatore di costumi GIUSEPPE GRILLO nasce a Genova il 21 luglio 1948. A scoprirlo è Pippo Baudo: durante una prova di cabaret (attività che inizia nel 1974) improvvisa un lungo monologo davanti a una commissione RAI. È così che il popolare comico italiano approda al piccolo schermo, nel programma Secondo voi (1977-78). Poi è la volta del suo primo Festival di Sanremo (1978) e Luna Park (1978-79), condotto dallo stesso Baudo con Heather Parisi. E già allora la sua verve appare non comune. “E` pazzesco, è una cosa pazzesca“ il suo intercalare piùfamoso, sostituito negli ultimi tempi con “straordinario“. Seguono il primo Fantastico (1979-80) e, ancora con il “Pennellone“, Domenica in… (1983) e Fantastico (1985-86), con cui viene rapidamente considerato il nuovo “terrorista del sabato sera“ scatenando un gran putiferio con le sue battute al vetriolo sui politici. Nel mezzo stanno i due originali Te la do io l`America (1981), per cui aveva coniato il soprannome “Grillescion“, e Te lo do io il Brasile (1984), per cui gioca da solo la partita “Grillo-Resto de mundo“ in un Maracanà deserto: un successo (“ci ha scritto la moglie di Mike Bongiorno: grazie, finalmente un programma al giovedì sera che si può vedere!“) che con la regia di Enzo Trapani e i testi di Antonio Ricci, Beppe – forse per la prima volta in un programma TV – porta le telecamere fuori dagli studi televisivi, in una sorta di diario di viaggio di un italiano che coglie con ironia gli aspetti piùdivertenti degli usi e costumi di questi Paesi (viene progettata anche una terza edizione, Te do lo do io il Giappone, purtroppo mai realizzata anche per la depressione del poi suicida Trapani e l`impegno al Drive-In di Ricci). Il suo modo di fare spettacolo si fa sempre piùgraffiante e corrosivo, dalla satira di costume passa ad affrontare temi piùscottanti di carattere sociale e politico, facendo rabbrividire i vari dirigenti della televisione che, nonostante “rischi“ ben superiori a quelli di Roberto Benigni (sbeffeggianti ma quasi mai così “politici“ e radicali), continuano ad invitarlo nelle loro trasmissioni. Oltre agli impegni televisivi e agli innumerevoli spettacoli dal vivo, dove esprime al massimo le sue doti di grande comunicatore, Grillo prova timidamente anche la strada del cinema, realizzando con discreto successo di pubblico (e un po` meno di critica) tre film: il modestamente provocatorio Cercasi Gesù(dicembre 1982), scritto con Antonio Ricci, diretto da Luigi Comencini e vincitore di un David di Donatello, il grottesco Scemo di guerra (maggio 1985), scritto anni prima dalla “coppia d`assi“ Age & Scarpelli per Vittorio Gassman, con Claudio Bisio e Fabio Testi, diretto da Dino Risi e in concorso al Festival di Cannes, nonché il parodistico apologo Topo Galileo (dicembre 1988) con Jerry Hall, Claudio Cecchetto e Michele Mirabella, diretto da Felice Laudadio su soggetto dello scrittore cult Stefano Benni, a rappresentare l`Italia al Festival di Rio de Janeiro. Dal 1986 al 1988 realizza una celeberrima decina di spot TV (per l`epoca davvero rivoluzionari e ancora gustosi rivisti oggi, basti ricordare la “pubblicità telepatica“ in assoluto silenzio con una musica in sottofondo e conclusa dicendo “Provate a uscire e comprare qualcos`altro, adesso!“) per gli yogurt Yomo, sconvolgendo i canoni classici della pubblicità e vincendo i premi piùprestigiosi del settore: Leone d`Oro di Cannes, premio Anipa, Art Director`s Club, Spot Italia Pubblicità e Successo, Gran Premio Internazionale della TV (il Telegatto, vinto per la sesta volta). Nel frattempo, all`Epifania 1986, in occasione della serata finale di Fantastico 6 (spettacolo abbinato alla Lotteria Italia), nel momento di maggiore audience, Grillo colpisce i socialisti un po` troppo in anticipo su Mani Pulite con una battuta sul viaggio di Craxi in Cina (“Martelli gli ha chiesto: Ma se sono tutti socialisti. a chi rubano?“). Ma già a Domenica in… aveva fatto scorrere qualche brivido lungo la schiena ai funzionari di via Teulada, esponendo l`esilarante “teorema P2“ che portava al socialdemocratico Longo. Perdonato e richiamato a furor di popolo al Festival di Sanremo due anni piùtardi, per rilanciare una manifestazione in declino di ascolti – e pochi dei cantanti in gara si salvarono dai suoi strali, Baglioni e Duran Duran compresi – appare sul palcoscenico del Teatro Ariston sventolando il suo contratto da 350 milioni e spiattellando tutte le clausole di censura preventiva pretese dalla RAI, sbeffeggiando i pavidi dirigenti. Un trionfo, ma anche un inevitabile harakiri televisivo: l`anno dopo apparirà ancora al Festival di Sanremo 1989 – dando letteralmente del “coglione“ al giornalista Sandro Mayer per l`intervista a un bambino rapito – e poi piùnulla per quattro anni. Ma, nonostante il suo abbandono televisivo (capace di raggiungere a Sanremo 22 milioni di telespettatori), in un sondaggio Abacus del novembre 1991 risulta il comico piùpopolare. Anzi, si può dire che l`esilio forzato dalla TV è stato anche la sua fortuna: i suoi spettacoli teatrali e nei palazzetti – da “Buone notizie“ (1990) in poi – fanno registrare ovunque il tutto esaurito, portandogli appellativi come “fustigatore dei costumi“ e di “guru della satira“. Che peraltro, alla fine, si è dimostrato premiante. Un confino dell`etere rotto soltanto nel 1993, con la doppia serata Beppe Grillo su Raiuno il 25 novembre e 2 dicembre, con una punta finale di 16 milioni di telespettatori: stavolta l`attore si scaglia contro l`invadenza della pubblicità, il numero telefonico 144, l`inquinamento, la stupidità collettiva. La veemenza delle sue filippiche è tale che il giorno successivo si registra un vertiginoso calo delle chiamate all`144. Negli anni seguenti Grillo continuerà la sua battaglia a fianco delle associazioni di consumatori, in particolare contro le società telefoniche: nel 1995 partecipa all`assemblea dei soci Telecom definendola “un`associazione a delinquere“, nel 2000 fa causa alla Omnitel per falsi addebiti sulle schede prepagate finendo in tribunale. La chiave di volta del nuovo rapporto di Grillo con le TV avviene quando il TG1 manda in onda un frammento della terza serata milanese del 24 febbraio 1995, in cui il comico invita sul palco il sindaco Marco Formentini, per respirare dal tubo di scappamento di un furgone costruito in persona dallo svizzero Markus Friedly… vapor acqueo anziché scarichi tossici! Durante quella tournée, lo spettacolo di Bellinzona del 19 marzo 1995 viene registrato e poi trasmesso su alcune reti televisive straniere (in Svizzera sulla TSI il 7 aprile e in Germania su WDR poco piùtardi, con tanto di traduzione simultanea in tedesco fuori campo: e il TG1 ci fa pure un servizio!) e previsto per il 10 gennaio 1996 su Raiuno. Nel frattempo (giugno 1995) Beppe fa un infuocato intervento all`assemblea torinese della Stet di Biagio Agnes. Ma la pressione sulla RAI di Letizia Moratti è tale che, appena 24 ore prima, lo spettacolo (“Energia & Informazione“, ma il titolo non viene mai scritto da nessuna parte, biglietti compresi) viene annullato e mai piùmandato in onda, se non in alcune serate organizzate in tutt`Italia dai Verdi per la propria campagna elettorale pochi mesi piùtardi. Dopo un breve intermezzo musicale – a settembre 1996, nel nuovo album Cremona di Mina, il comico si permette di reggere un duetto con la Signora della canzone italiana nell`esilarante Dottore – la vicenda spinge Grillo a registrare anche le successive tournée, “Cervello“ (Genova, 16 maggio 1997) e “Apocalisse morbida“ (Milano, 2 aprile 1998), trasmesse insieme allo spettacolo svizzero su Tele+ Nero tra marzo e aprile 1998 (rigorosamente in chiaro e perfino replicate), rete televisiva che da quel 31 dicembre ospita anche un vero e proprio Discorso all`Umanità nell`ultima serata dell`anno, subito dopo quello a reti unificate del Presidente della Repubblica Italiana (facendo nel frattempo un record d`incassi in carne e ossa al teatro Smeraldo di Milano sia quell`ultimo dell`anno che a fine `99). A maggio 2000, mentre Grillo porta in giro il nuovo spettacolo “Time out“ sul tempo, la Raidue di Carlo Freccero ripropone alcune serate senza preavviso e in via eccezionale (non registrazioni di teatro in TV ma vecchi filmati televisivi a casaccio e senza indicazioni, in stile Blob) nella serie Comici mica da ridere: volente o nolente, Grillo è sempre braccato dalla TV: in giugno Striscia la notizia del “compagno di merende“ Antonio Ricci manda in onda 8 minuti di filmato dai suoi spettacoli di marzo portati dallo stesso Grillo all`Autorità per la concorrenza mentre Tele+ manda in onda (per la prima volta criptato) il suo spettacolo registrato al PalaEur di Roma il 5 maggio 2000, nonché l`ormai tradizionale Discorso all`Umanità, in un set che lentamente viene invaso dall`acqua (mentre il vero Grillo è al PalaVobis di Milano a brindare al vero Terzo Millennio). Nel febbraio 2001 fa scalpore la sua installazione nella sua abitazione a Nervi di un impianto fotovoltaico da 1,8 kWp, grazie al quale può rivendere l`energia in eccesso all`Enel: è il primo caso italiano di “net-metering“. Il 1° giugno a mezzogiorno presenta al Fnac di Milano (con l`autrice) il libro No logo di Naomi Klein, mentre 15 giorni dopo partecipa nell`Auditorium milanese al celebre dibattito “Globalizzato sarà lei!“. A novembre, Tele+ manda in onda (criptata) una selezione da una decina di date della tournée “La grande trasformazione“ (prima e dopo il fatidico 11 settembre) e la sera di S. Stefano una delle serate piùrecenti, al completo e in chiaro: il 2001 si chiude con il quarto Discorso all`Umanità, con Beppe che entra e per i primi minuti parla in un set genialmente capovolto. Nota: Tele+, 31 dicembre 2001 – programma in chiaro

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Politica della Privacy

Questo sito internet, urla.com e tutte le informazioni personali raccolte dagli utenti di questo Sito, sono proprietà esclusiva di urla.com. In questo documento di Politica della Privacy ogni riferimento a "noi", "ci", "nostro", sono riferimenti a urla.com.

La privacy dei nostri utenti per noi è una cosa seria.

Questo documento di "Politica della Privacy" (la "Politica") sintetizza come gestiamo le vostre informazioni personali ed è parte integrante dei "Termini e Condizioni d'Uso" del Sito. Questa Politica si applica solo a questo Sito e non alla raccolta e all'uso delle informazioni personali che potrebbero essere effettuate da qualsiasi terza parte attraverso qualsiasi altro sito web per il quale esistano collegamenti sul nostro sito.

Noi non siamo responsabili per le politiche della privacy di altri siti web e vi incoraggiamo a rendervi conto di quando lasciate il Sito.

Consenso

Il vostro uso di questo Sito, implica il consenso alla raccolta e all'utilizzo da parte nostra delle informazioni (a volte anche personali) che vi riguardano, nei termini indicati con questa Politica.

Che informazioni raccogliamo?

Potete accedere alla home page di questo Sito e navigare all'interno del Sito senza rivelarci alcun dato personale.

Per potervi fornire alcuni determinati servizi, però, potremmo aver bisogno di raccogliere alcune specifiche informazioni personali, che vi richiederemo se e quando necessario. In questi casi vi richiederemo esplicita autorizzazione al trattamento dei dati forniti (ad esempio nella pagina di registrazione).

Come utilizziamo le vostre informazioni?

Tutte le informazioni personali che vi riguardano saranno usate e registrate da noi nel rispetto della corrente normativa sul "trattamento dei dati personali" e secondo questa Politica.

Possiamo utilizzare le vostre informazioni personali per comunicare con voi, ad esempio per farvi sapere dell'esistenza di nuove funzioni e attività su urla.com, per realizzare indagini statistiche e, in forma aggregata (e quindi anonima) per attività di marketing, per tracciare le attività sul nostro sito, per pubblicare informazioni sulle pagine preferite e/o per migliorare l'utilità e i contenuti e per qualsiasi altro scopo che vi comunicheremo.

Possiamo gestire una o più mailing list, per inviarvi notizie relative al mondo urla.com . Queste mailing list sono "opt-in", il che significa che chi desidera esservi incluso deve iscriversi alla specifica lista.

Noi mandiamo email solo agli indirizzi che si sono iscritti ad una specifica lista. Noi non facciamo "spam".

Se desiderate cancellarvi da una lista (Cancellazione parziale), potete farlo dalla pagina di registrazione del sito o inviarci un email a info@urla.com .

Noi non condividiamo, né concediamo in uso a terzi né vendiamo i vostri indirizzi email.

Ci riserviamo il diritto di consegnare le vostre informazioni personali a chiunque dovesse prendersi carico della gesione del Sito o acquistasse in tutto o in parte le nostre proprietà, che includono i vostri dati personali. In questo caso sarete informati della cessione e potrete cancellare i vostri dati.

Ci riserviamo il diritto di consegnare le vostre informazioni personali all'autorità giudiziaria che ne facesse richiesta nell'ambito di una indagine ufficiale, una volta che fossimo ragionevolmente certi delle circostanze che riguardano la richiesta.

Ci riserviamo altresì il diritto di accedere e consegnare le vostre informazioni personali allo scopo di obbedire alle leggi in vigore e a legittime richieste da parte del governo, per far funzionare correttamente i nostri sistemi e per proteggere i nostri utenti e noi stessi. Ad eccezione di quanto esplicitamente dichiarato in questa Politica, non venderemo, né condivideremo, né concederemo in uso le vostre informazioni personali senza il vostro espresso consenso.

Sicurezza

Prendiamo ogni possibile precauzione per proteggere le vostre informazioni personali. Inoltre abbiamo protocolli di sicurezza per proteggere il nostro database degli utenti da accessi non autorizzati, uso improprio, modifiche non autorizzate, distruzione illegale o cancellazioni accidentali.

Noi consentiamo l'accesso al database dei nostri utenti solo quando assolutamente necessario e anche allora secondo regole severe riguardo a cosa si può fare di tali informazioni. Potremmo dovervi chiedere di dimostrare la vostra identità prima di darvi accesso a informazioni anche se vi riguardano.

Sondaggi

Il nostro scopo è di migliorare costantemente il servizio che offriamo. Di conseguenza potremmo occasionalmente intervistare i nostri utenti, utilizzando dei sondaggi.

La partecipazione ai sondaggi è volontaria, e non siete in alcun modo obbligati a rispondere alle domande che potreste ricevere da noi. Se decideste di rispondere, tratteremmo le informazioni che ci fornireste secondo gli stessi standard elevati con cui trattiamo tutte le altre informazioni personali degli utenti.

Attività La vostra partecipazione al nostro Sito significa che potremmo contattarvi per invitarvi a partecipare ad attività, giochi o concorsi. La partecipazione a qualsiasi attività del Sito è volontaria e non sarete in alcun modo tenuti a rispondere ai nostri inviti. Se decideste di partecipare a una nostra attività, tratteremmo le informazioni che ci fornireste secondo gli stessi standard elevati con cui trattiamo tutte le altre informazioni personali degli utenti. Cookie Quando visitate uno dei nostri Siti potremmo inviare un "cookie" al vostro browser. L'uso dei cookie non è in alcun modo collegato ad alcuna informazione personale raccolta durante la navigazione del Sito. Un cookie è un piccolo documento che è memorizzato sul disco fisso del vostro computer a scopo di archivio. Possiamo utilizzarli per fare diverse cose: ad esempio i cookie possono servire a mantenere statistiche anonime dei servizi da voi preferiti o dei percorsi che seguite durante la navigazione nel Sito. Quando i cookie sono utilizzati in questo modo, non siete identificati individualmente e qualsiasi informazione raccolta in questo modo è utilizzata solo in forma aggregata (statistica). Alcuni dei nostri partner commerciali (ad esempio licenziatari e sponsor) potrebbero utilizzare dei cookie sul nostro Sito (nei banner pubblicitari) o sui loro siti raggiungibili dal nostro tramite link. Noi non abbiamo accesso né possiamo controllare questi cookie. Non siete obbligati ad accettare i cookie da noi, né da alcun altro sito web e potete impostare il vostro browser perché non accetti i cookie, anche se in questo caso alcune funzioni del Sito potrebbero non essere disponibili. Correzione e aggiornamento dei dati personali Se i vostri dati personali cambiano o se credete che le informazioni nei nostri database che vi riguardano non siano corrette, potete aggiornarle accedendo come utenti registrati al vostro profilo o scrivendo a info@urla.com . Cancellazione parziale Speriamo che il nostro Sito e i servizi che offriamo vi piacciano. Potete comunque richiedere che i vostri dati personali non siano utilizzati nei modi riassunti sopra. Questa operazione è chiamata "cancellazione parziale" e può essere fatta in uno dei seguenti modi: - accedendo come utente registrato al vostro profilo, disabilitando i box relativi agli usi di dati non desiderati e salvando; - scrivendo a info@urla.com, indicando i servizi di cui non volete più fruire. Cancellazione totale In qualsiasi momento potete richiedere che i vostri dati personali siano completamente cancellati dai nostri database. Questa operazione è chiamata "cancellazione totale" e può essere fatta in uno dei seguenti modi: - accedendo come utente registrato al vostro profilo, selezionando l'opzione di cancellazione del profilo e seguendo le istruzioni; - scrivendo a info@urla.com , e seguendo le istruzioni che vi verranno fornite. Aggiornamenti del Sito e dei suoi servizi In quanto iscritti al Sito potremmo inviarvi messaggi che riguardano aggiornamenti relativi al Sito e ai suoi servizi. Se volete cancellarvi da questa mailing list, dovete effettuare la cancellazione totale. Notifiche di cambiamento Nel caso dovessimo modificare la nostra "Politica della Privacy", lo comunicheremo nella nostra home page. Supporto alla Privacy In caso di dubbi che riguardano la nostra "Politica della Privacy", potrete contattarci al nostro indirizzo email info@urla.com .


cookie & urla.com

urla.com utilizza i cookie, per semplificare e migliorare la navigazione. Cosa sono i Cookie? I cookie sono delle informazioni scambiate tra il server di urla.com e il tuo computer. Permettono di creare delle statistiche sulle aree del sito visitate dagli utenti in modo anonimo e vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi al sito stesso alla visita successiva.

I tipi di cookie che utilizza urla.com

Cookie funzionali Questi cookie sono essenziali al fine di consentire di spostarsi in tutto il sito ed utilizzare a pieno le sue caratteristiche. Cookie statistici e di performance Questi cookie raccolgono informazioni su come gli utenti utilizzano un sito web, ad esempio, quali sono le pagine più visitate, se si ricevono messaggi di errore da pagine web. Oppure indicano che si è arrivati su urla.com dopo aver ricercato una determinata parola su un motore di ricerca. Questi cookie non raccolgono informazioni che identificano un visitatore. Tutte le informazioni raccolte tramite cookie sono aggregate e quindi anonime. Come Google Analytics e Google Tag Manager Cookie sociali All'interno di alcune pagine (ad esempio il dettaglio di una notizia) ti consentono di condividere sulla tua bacheca facebook o sulla tua timeline twitter un indirizzo di urla.com.

Google Analytics e Google Tag Manager

urla.com e i suoi sottodomini utilizzano Google Analytics, un servizio di analisi web fornito da Google , Inc. ( "Google") . Google Analytics utilizza dei "cookies" , che sono file di testo depositati sul Vostro computer per consentire al sito web di analizzare come gli utenti utilizzano il sito . Le informazioni generate dal cookie sull'utilizzo del sito web ( compreso il Vostro indirizzo IP anonimo ) verranno trasmesse e depositate presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizzerà queste informazioni allo scopo di esaminare il Vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito per gli operatori dello stesso e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di internet. Google può anche trasferire queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google. Il sito web urla.com può utilizzare i cookie tecnici di terze parti riportati nella tabella seguente

Blog/portale      Cookie                                 Tipo        Utilizzo

urla.com              urla                                   tecnico       Tuo profilo

urla.com             Doubleclick                                           Analitycs

urla.com             Google Tag Manager                             Analitycs

urla.com             Google Analytics                                    Analitycs

urla.com             Instagram                                              Analitycs

urla.com             Youtube                                               Analitycs

urla.com             Facebook                                            Analitycs

urla.com             Twitter                                                Analitycs

Come modificare le impostazioni sui cookie? La maggior parte dei browser Internet accetta i cookie automaticamente, ma e' possibile modificare le impostazioni del browser per cancellare i cookie o impedirne l'accettazione automatica. Puoi anche rifiutare l'uso dei cookie ma in questo caso, la possibilita' di fornirti informazioni e servizi personalizzati sara' limitata, o alcune funzionalita' del sito potrebbero non funzionare correttamente ed alcuni dei servizi non essere disponibili. Di seguito una serie di link alle guide per le impostazioni relative ai cookie dei principali browser.

Chiudi