admin/ Gennaio 18, 2009/ home-prima, Informa/ 0 comments

berlusconi_gaza01gIl presidente del Consiglio al vertice: ora il Piano Marshall per la Palestina. In tutta Europa via agli aiuti umanitari

BRUXELLES
L’Unione Europea, costretta a un ruolo di spettatrice durante i 22 giorni della guerra di Gaza, ritorna protagonista con un forte impegno umanitario a favore della popolazioni palestinesi colpite dal conflitto. Ed è proprio l’Italia, in quest’ambito, a essere in prima fila sul fronte degli aiuti che cominceranno a raggiungere la Striscia, in queste ore successive alla tregua.

Le prime 40 tonnellate dei nostri aiuti partiranno domani da Brindisi, contemporaneamente all’avvio della missione del ministro degli Esteri, Franco Frattini in Medio Oriente dove avrà anche una serie di colloqui politici al massimo livello. Dell’impegno del nostro paese a favore dei civili palestinesi, in particolare dei tantissimi bimbi feriti durante la guerra, ne ha parlato anche il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi al termine del vertice di Sharm el Sheikh. “Abbiamo un’iniziativa per il trattamento dei bambini palestinesi feriti negli ospedali diretti da medici italiani in Egitto: il ministro degli esteri Frattini – ha detto il premier – arriverà domani alla testa di un convoglio di aiuti umanitari che andrà a Gaza”.

L’Italia invierà anche 100 mila euro per i beni di prima necessità, 250 mila euro per il programma alimentare mondiale, 300 mila euro per rispondere all’appello della Mezza Luna rossa per le emergenze degli ospedali palestinesi, 1 milione e 600 mila euro per rispondere all’appello per programmi alimentari, ricostruzione di stabili e rifugi di emergenza e 750 mila euro per l’Organizzazione mondiale della sanità.

La Francia ha già spedito in Egitto quattro aerei carichi di tonnellate di medicine, macchinari medici e di attrezzature per il trattamento dell’acqua, oltre a una squadra di 80 persone composta da medici e sminatori che entreranno a Gaza prima possibile. Altre 40 tonnellate di aiuti sono già state mandate mercoledì scorso dal governo francese.

Anche la Spagna è impegnata nella campagna di solidarietà verso gli abitanti di Gaza. Domani, dall’aeroporto della base Nato di Torrejon, partiranno due aerei cargo carichi di 25 tonnellate di aiuti ciascuno. Da Madrid sono già decollati, la settimana scorsa, due aerei cargo con 25 tonnellate di materiale a cura dell’Agenzia spagnola di cooperazione internazionale per lo sviluppo (Aecid).

Londra, infine, ha già annunciato che invierà aiuti per 20 milioni di sterline, pari a 22 milioni di euro e ha chiesto l’apertura di un accesso senza limiti ai territori palestinesi per far entrare i soccorsi.

Share this Post

Leave a Comment