27/01/02 Nelle librerie IMPERO, recensione da “Il Manifesto“

L`impero è sovrano La costruzione politica dell`utopia capitalistica del mercato mondiale nel libro “Impero“ scritto da Michael Hardt e Toni Negri. Un volume felicemente interdisciplinare su un processo sociale il cui esito non è niente affatto scontato SANDRO MEZZADRA Esce finalmente anche in Italia, dunque, il volume che Michael Hardt e Toni Negri hanno intitolato all`Impero (Rizzoli, pp. 456, 20 euro). Pubblicato negli Stati uniti nel 2000, il libro ha avuto un successo che va probabilmente oltre le piùrosee aspettative degli autori, è stato tradotto in un gran numero di lingue e ha suscitato dibattiti nei piùsperduti angoli del pianeta. Solo in Italia si attendeva: il nome dell`autore nostrano, infatti, suonava imbarazzante alle orecchie fini degli editori e degli intellettuali di casa nostra. La damnatio memoriae che ancora grava sui movimenti sovversivi degli anni `60 e `70 aveva finito per riguardare Negri piùdirettamente di altri che di quei movimenti erano pur stati protagonisti: anche al di là del suo coinvolgimento in quello scandalo giudiziario che va sotto il nome di processo 7 aprile, urtava evidentemente, del professore padovano, l`ostinazione con cui, sia pure seguendo percorsi non sempre rettilinei, rivendicava la continuità con la sostanza di cose sperate da una generazione che aveva osato tentare l`assalto al cielo.

E infastidiva in particolare il fatto che lo facesse non da una posizione di marginale vaniloquio ma, esule in Francia a partire dall“83, da una cattedra dell`Università di Paris VIII, dialogando con i protagonisti piùprestigiosi e rispettati dei dibattiti intellettuali contemporanei e potendo sempre contare su una significativa audience internazionale. Quando il successo di Impero fu infine consacrato da una recensione del New York Times, fu Vittorio Zucconi, su “Repubblica“, a prodursi in una stizzita replica, al limite dell`anti-americanismo. Della serie: gli americani sono in fondo ragazzoni ingenui e un po` stupidotti, facili da incantare. E comunque nessun allarme, aggiungeva il buon Vittorio: negli Stati uniti tutto diventa fenomeno mediatico, siamo di fronte all`ennesima dimostrazione della capacità dell`industria culturale americana di digerire anche le critiche piùradicali, trasformandole in lubrificante per i propri ingranaggi. Una volta “sdoganato“ oltre Atlantico, in ogni caso, Negri tornava a essere “presentabile“ anche in Italia. E così abbiamo infine tra le mani, preceduta dalla pubblicazione di un “dialogo“ tra lo stesso Negri, Roberto Esposito e Salvatore Veca sull`ultimo numero di “Micromega“, l`edizione italiana del libro di cui tanto si è parlato in questi mesi, nell`impeccabile traduzione di Alessandro Pandolfi. E` bene dirlo subito: Impero non è, contrariamente a quanto si legge sulla copertina del libro, “la Bibbia del nuovo movimento“. Per quanto prefiguri il costituirsi di un`alternativa globale all`impero e anticipi per qualche aspetto gli immaginari e le sensibilità del “movimento dei movimenti“, il testo si muove, su questo così come su altri terreni, su un piano di voluta astrazione, senza significativi riferimenti ai segnali che già alla fine degli anni `90 si potevano intravedere del sorgere di quel movimento che poi, tra Seattle e Genova, si sarebbe installato al centro della scena politica. Anche il fatto che, soprattutto in Italia, il lessico di Impero sia entrato a far parte delle retoriche di movimento – si pensi alla fortuna che ha avuto negli ultimi tempi il termine “moltitudine“ – nulla dice sulla effettiva penetrazione delle tesi teoriche che vi vengono sostenute all`interno del dibattito politico. Si può anzi supporre che la riduzione a slogan di alcune delle piùsuggestive formule elaborate da Hardt e da Negri costituisca il primo ostacolo che deve essere superato se si vuole che il volume, come merita, venga effettivamente discusso, positivamente criticato, “smontato“ e utilizzato nella battaglia politica. Il tempo della scrittura del libro è segnato da due guerre, quella del Golfo e quella del Kosovo, in cui gli autori individuano snodi decisivi della transizione – in atto – verso la costituzione dell`Impero. E` un primo punto che vale la pena di sottolineare: anche se non sempre sfugge a una tentazione modellistica, Impero non descrive una tendenza pienamente e pacificamente realizzata, ma parla piuttosto di una transizione, complessa, contraddittoria e soprattutto dall`esito non scontato. Di questa transizione, che è tutt`uno con il dispiegarsi dei processi di “globalizzazione“, il libro traccia con efficacia e in modo affascinante la genealogia. Per dirla in estrema sintesi: nulla si capisce della globalizzazione contemporanea, a giudizio di Hardt e Negri, se se ne legge soltanto la storia di superficie, se la si riduce a un processo disincarnato di mondializzazione del capitale e non se ne focalizza invece quella che possiamo chiamare la storia segreta. Sono l`internazionalismo comunista e le rivolte anticoloniali, ovvero la progressiva conquista di una dimensione globale da parte delle lotte proletarie e dei movimenti anti-imperialisti nel corso del XX secolo, gli elementi che spingono in direzione dell`unificazione del pianeta, prefigurando la base materiale sulla quale, a partire dai primi anni `70, il capitale è costretto a ristrutturarsi su scala appunto globale. All`impero, tuttavia, e non alla globalizzazione è intitolato il libro di Hardt e Negri. C`è qui un`esplicita polemica contro ogni apologia neo-liberale del “nuovo ordine mondiale“, contro l`ipotesi cioè “che l`attuale ordine sorga in qualche modo spontaneamente, come un armonico concerto diretto dalla mano invisibile e neutrale del mercato mondiale“. E` piuttosto su una nuova costituzione e su una nuova figura della sovranità – sulle categorie del politico nel tempo della globalizzazione – che si appunta l`analisi dei due autori. Ancora una volta in estrema sintesi: da una parte lo spazio globale viene ridisegnato in termini unitari, da processi che rendono mobili e instabili i confini tra le diverse aree, “distribuendo le ineguaglianze e le barriere lungo una rete di linee multiple e frammentate“ non riducibili alle consuete divisioni fra primo, secondo e terzo mondo, o tra Nord e Sud; dall`altra il paesaggio sociale degli stessi paesi “metropolitani“ viene ridisegnato da una nuova forma di potere e di controllo, che si insinua all`interno dei piùriposti gangli della soggettività, scomponendola e frantumandola in forme multiple e tuttavia sempre funzionali alla subordinazione dei corpi e delle menti agli imperativi della valorizzazione del capitale. Categorie fondamentali della moderna teorica politica – prime fra tutte quelle di popolo e di società civile – appaiono fuori gioco nel nuovo scenario: il popolo perché le stesse nuove tecniche del controllo sembrano assumere come proprio referente, assai piùche una grandezza omogenea quale quella appunto rappresentata dal popolo, una moltitudine di singolarità cooperanti, che si tratta di amministrare, segmentare e organizzare esaltandone l`eterogeneità; la società civile perché lo spazio di mediazione a cui fa riferimento questa categoria appare totalmente riassunto e riarticolato dalle logiche del dominio. Considerata sotto l`angolo visuale offerto dalla dimensione globale, la costituzione dell`Impero pare agli autori proporre una singolare riedizione di quel modello di costituzione mista che Polibio aveva forgiato per descrivere la res publica romana. C`è un vertice “monarchico“, rappresentato in primo luogo dagli Stati uniti, che “esercitano l`egemonia sull`uso globale della forza“, e poi dal ristretto gruppo di “Stati-nazione che controllano i principali strumenti monetari globali tramite i quali regolano gli scambi internazionali“, che si innesta su un piano “aristocratico“, composto dalle corporation capitalistiche e dal complesso degli Stati nazionali, “a partire dal quale il comando viene distribuito in modo piùestensivo e articolato su tutta la superficie mondiale“. Al di sotto di questo piano “aristocratico“ una serie di organismi – ancora una volta gli stati nazionali, a cui si sono venuti affiancando in modo sempre piùrilevante soggetti nuovi, come le “organizzazioni non governative“ – si incarica di rappresentare il momento “democratico“ della costituzione globale, filtrando l`espressione degli “interessi popolari“. Si tratta di un modello che, presentato in termini dinamici e non statici, appare ben lungi dall`escludere che su ciascuno dei livelli individuati si aprano contraddizioni e conflitti anche laceranti. Così come non si può dire che l`analisi presentata in Impero sottovaluti, in sede teorica, il persistente ruolo degli stati nazionali. La tesi di fondo del libro, semmai, è a questo riguardo tutta politica: e tende a escludere che lo stato nazionale possa costituire l`orizzonte della “resistenza“ alla globalizzazione. Anzi, ed è questo il punto su cui è auspicabile che si apra la discussione all`interno della sinistra e del movimento, Hardt e Negri dubitano che di “resistenza“ si debba parlare: il problema è piuttosto, nella loro prospettiva, quello di assumere la dimensione globale come unica dimensione su cui misurare l`incisività dei processi politici di soggettivazione di una moltitudine produttiva che coopera, e viene dominata, su scala appunto globale. Questo non significa puntare direttamente a una nuova civitas maxima, tema su cui gli autori appaiono giustamente assai prudenti: significa, piùsemplicemente, riportare la dimensione della “cittadinanza imperiale“ all`interno di qualsiasi progetto politico di trasformazione dell`esistente, comunque sia quest`ultimo definito in termini spaziali. C`è poi un`ulteriore questione che occorre sottolineare: ancorché ne occupino, come si è visto, il vertice, e per quanto la loro storia e la loro costituzione li predispongano a giocare una funzione “imperiale“, gli Stati uniti non sono l`Impero. Quest`ultimo, nell`analisi di Hardt e Negri, non si identifica con alcun luogo specifico, coincidendo piuttosto con la tendenziale realizzazione della concreta utopia capitalistica del mercato mondiale. Sotto questo profilo, inoltre, l`Impero si distingue in modo assai preciso dall`imperialismo, costituendo anzi il superamento del suo limite intrinseco, di quel presupposto dell`esistenza di spazi “esterni“ al dominio del capitale che si trattava appunto di annettere attraverso specifiche politiche espansioniste. La sovranità imperiale tende così a configurarsi pienamente come “sovranità capitalistica“: e tuttavia quella contraddizione fra le logiche della sovranità e le logiche del capitale, indagata nel libro sia in prospettiva storica sia in prospettiva teorica proprio per rendere conto della loro necessaria co-implicazione, non appare superata, ma piuttosto riprodotta a tutti i livelli del sistema. Impero è un libro complesso, difficile in molti suoi passaggi. Si può ben dire che esso rappresenta la sintesi matura di quarant`anni di studi di Toni Negri, passati al vaglio dei piùrecenti dibattiti statunitensi e della sensibilità teorica di Michael Hardt, che in questi dibattiti è maturata. E` un libro che incrocia felicemente diverse prospettive disciplinari, dalla scienza giuridica alla storia della filosofia, dall`economia politica alla sociologia del lavoro: è naturale che susciti perplessità nella stessa misura in cui risulta affascinante. In questa sede si è soltanto tentato di rendere conto di alcune delle tesi fondamentali presentate nel libro. Ad altre – e in particolare alla figura della moltitudine come soggetto produttivo, come nome comune di un “lavoro vivo“ che si è fatto ibrido e meticcio, sottoposto al comando “biopolitico“ del capitale, segmentato e abitato dalla “paura“, e tuttavia unico soggetto possibile della liberazione – si può soltanto conclusivamente accennare. L`auspicio, lo si ripete, è che anche su queste pagine su Impero si apra una ampia e articolata discussione

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Politica della Privacy

Questo sito internet, urla.com e tutte le informazioni personali raccolte dagli utenti di questo Sito, sono proprietà esclusiva di urla.com. In questo documento di Politica della Privacy ogni riferimento a "noi", "ci", "nostro", sono riferimenti a urla.com.

La privacy dei nostri utenti per noi è una cosa seria.

Questo documento di "Politica della Privacy" (la "Politica") sintetizza come gestiamo le vostre informazioni personali ed è parte integrante dei "Termini e Condizioni d'Uso" del Sito. Questa Politica si applica solo a questo Sito e non alla raccolta e all'uso delle informazioni personali che potrebbero essere effettuate da qualsiasi terza parte attraverso qualsiasi altro sito web per il quale esistano collegamenti sul nostro sito.

Noi non siamo responsabili per le politiche della privacy di altri siti web e vi incoraggiamo a rendervi conto di quando lasciate il Sito.

Consenso

Il vostro uso di questo Sito, implica il consenso alla raccolta e all'utilizzo da parte nostra delle informazioni (a volte anche personali) che vi riguardano, nei termini indicati con questa Politica.

Che informazioni raccogliamo?

Potete accedere alla home page di questo Sito e navigare all'interno del Sito senza rivelarci alcun dato personale.

Per potervi fornire alcuni determinati servizi, però, potremmo aver bisogno di raccogliere alcune specifiche informazioni personali, che vi richiederemo se e quando necessario. In questi casi vi richiederemo esplicita autorizzazione al trattamento dei dati forniti (ad esempio nella pagina di registrazione).

Come utilizziamo le vostre informazioni?

Tutte le informazioni personali che vi riguardano saranno usate e registrate da noi nel rispetto della corrente normativa sul "trattamento dei dati personali" e secondo questa Politica.

Possiamo utilizzare le vostre informazioni personali per comunicare con voi, ad esempio per farvi sapere dell'esistenza di nuove funzioni e attività su urla.com, per realizzare indagini statistiche e, in forma aggregata (e quindi anonima) per attività di marketing, per tracciare le attività sul nostro sito, per pubblicare informazioni sulle pagine preferite e/o per migliorare l'utilità e i contenuti e per qualsiasi altro scopo che vi comunicheremo.

Possiamo gestire una o più mailing list, per inviarvi notizie relative al mondo urla.com . Queste mailing list sono "opt-in", il che significa che chi desidera esservi incluso deve iscriversi alla specifica lista.

Noi mandiamo email solo agli indirizzi che si sono iscritti ad una specifica lista. Noi non facciamo "spam".

Se desiderate cancellarvi da una lista (Cancellazione parziale), potete farlo dalla pagina di registrazione del sito o inviarci un email a info@urla.com .

Noi non condividiamo, né concediamo in uso a terzi né vendiamo i vostri indirizzi email.

Ci riserviamo il diritto di consegnare le vostre informazioni personali a chiunque dovesse prendersi carico della gesione del Sito o acquistasse in tutto o in parte le nostre proprietà, che includono i vostri dati personali. In questo caso sarete informati della cessione e potrete cancellare i vostri dati.

Ci riserviamo il diritto di consegnare le vostre informazioni personali all'autorità giudiziaria che ne facesse richiesta nell'ambito di una indagine ufficiale, una volta che fossimo ragionevolmente certi delle circostanze che riguardano la richiesta.

Ci riserviamo altresì il diritto di accedere e consegnare le vostre informazioni personali allo scopo di obbedire alle leggi in vigore e a legittime richieste da parte del governo, per far funzionare correttamente i nostri sistemi e per proteggere i nostri utenti e noi stessi. Ad eccezione di quanto esplicitamente dichiarato in questa Politica, non venderemo, né condivideremo, né concederemo in uso le vostre informazioni personali senza il vostro espresso consenso.

Sicurezza

Prendiamo ogni possibile precauzione per proteggere le vostre informazioni personali. Inoltre abbiamo protocolli di sicurezza per proteggere il nostro database degli utenti da accessi non autorizzati, uso improprio, modifiche non autorizzate, distruzione illegale o cancellazioni accidentali.

Noi consentiamo l'accesso al database dei nostri utenti solo quando assolutamente necessario e anche allora secondo regole severe riguardo a cosa si può fare di tali informazioni. Potremmo dovervi chiedere di dimostrare la vostra identità prima di darvi accesso a informazioni anche se vi riguardano.

Sondaggi

Il nostro scopo è di migliorare costantemente il servizio che offriamo. Di conseguenza potremmo occasionalmente intervistare i nostri utenti, utilizzando dei sondaggi.

La partecipazione ai sondaggi è volontaria, e non siete in alcun modo obbligati a rispondere alle domande che potreste ricevere da noi. Se decideste di rispondere, tratteremmo le informazioni che ci fornireste secondo gli stessi standard elevati con cui trattiamo tutte le altre informazioni personali degli utenti.

Attività La vostra partecipazione al nostro Sito significa che potremmo contattarvi per invitarvi a partecipare ad attività, giochi o concorsi. La partecipazione a qualsiasi attività del Sito è volontaria e non sarete in alcun modo tenuti a rispondere ai nostri inviti. Se decideste di partecipare a una nostra attività, tratteremmo le informazioni che ci fornireste secondo gli stessi standard elevati con cui trattiamo tutte le altre informazioni personali degli utenti. Cookie Quando visitate uno dei nostri Siti potremmo inviare un "cookie" al vostro browser. L'uso dei cookie non è in alcun modo collegato ad alcuna informazione personale raccolta durante la navigazione del Sito. Un cookie è un piccolo documento che è memorizzato sul disco fisso del vostro computer a scopo di archivio. Possiamo utilizzarli per fare diverse cose: ad esempio i cookie possono servire a mantenere statistiche anonime dei servizi da voi preferiti o dei percorsi che seguite durante la navigazione nel Sito. Quando i cookie sono utilizzati in questo modo, non siete identificati individualmente e qualsiasi informazione raccolta in questo modo è utilizzata solo in forma aggregata (statistica). Alcuni dei nostri partner commerciali (ad esempio licenziatari e sponsor) potrebbero utilizzare dei cookie sul nostro Sito (nei banner pubblicitari) o sui loro siti raggiungibili dal nostro tramite link. Noi non abbiamo accesso né possiamo controllare questi cookie. Non siete obbligati ad accettare i cookie da noi, né da alcun altro sito web e potete impostare il vostro browser perché non accetti i cookie, anche se in questo caso alcune funzioni del Sito potrebbero non essere disponibili. Correzione e aggiornamento dei dati personali Se i vostri dati personali cambiano o se credete che le informazioni nei nostri database che vi riguardano non siano corrette, potete aggiornarle accedendo come utenti registrati al vostro profilo o scrivendo a info@urla.com . Cancellazione parziale Speriamo che il nostro Sito e i servizi che offriamo vi piacciano. Potete comunque richiedere che i vostri dati personali non siano utilizzati nei modi riassunti sopra. Questa operazione è chiamata "cancellazione parziale" e può essere fatta in uno dei seguenti modi: - accedendo come utente registrato al vostro profilo, disabilitando i box relativi agli usi di dati non desiderati e salvando; - scrivendo a info@urla.com, indicando i servizi di cui non volete più fruire. Cancellazione totale In qualsiasi momento potete richiedere che i vostri dati personali siano completamente cancellati dai nostri database. Questa operazione è chiamata "cancellazione totale" e può essere fatta in uno dei seguenti modi: - accedendo come utente registrato al vostro profilo, selezionando l'opzione di cancellazione del profilo e seguendo le istruzioni; - scrivendo a info@urla.com , e seguendo le istruzioni che vi verranno fornite. Aggiornamenti del Sito e dei suoi servizi In quanto iscritti al Sito potremmo inviarvi messaggi che riguardano aggiornamenti relativi al Sito e ai suoi servizi. Se volete cancellarvi da questa mailing list, dovete effettuare la cancellazione totale. Notifiche di cambiamento Nel caso dovessimo modificare la nostra "Politica della Privacy", lo comunicheremo nella nostra home page. Supporto alla Privacy In caso di dubbi che riguardano la nostra "Politica della Privacy", potrete contattarci al nostro indirizzo email info@urla.com .


cookie & urla.com

urla.com utilizza i cookie, per semplificare e migliorare la navigazione. Cosa sono i Cookie? I cookie sono delle informazioni scambiate tra il server di urla.com e il tuo computer. Permettono di creare delle statistiche sulle aree del sito visitate dagli utenti in modo anonimo e vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi al sito stesso alla visita successiva.

I tipi di cookie che utilizza urla.com

Cookie funzionali Questi cookie sono essenziali al fine di consentire di spostarsi in tutto il sito ed utilizzare a pieno le sue caratteristiche. Cookie statistici e di performance Questi cookie raccolgono informazioni su come gli utenti utilizzano un sito web, ad esempio, quali sono le pagine più visitate, se si ricevono messaggi di errore da pagine web. Oppure indicano che si è arrivati su urla.com dopo aver ricercato una determinata parola su un motore di ricerca. Questi cookie non raccolgono informazioni che identificano un visitatore. Tutte le informazioni raccolte tramite cookie sono aggregate e quindi anonime. Come Google Analytics e Google Tag Manager Cookie sociali All'interno di alcune pagine (ad esempio il dettaglio di una notizia) ti consentono di condividere sulla tua bacheca facebook o sulla tua timeline twitter un indirizzo di urla.com.

Google Analytics e Google Tag Manager

urla.com e i suoi sottodomini utilizzano Google Analytics, un servizio di analisi web fornito da Google , Inc. ( "Google") . Google Analytics utilizza dei "cookies" , che sono file di testo depositati sul Vostro computer per consentire al sito web di analizzare come gli utenti utilizzano il sito . Le informazioni generate dal cookie sull'utilizzo del sito web ( compreso il Vostro indirizzo IP anonimo ) verranno trasmesse e depositate presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizzerà queste informazioni allo scopo di esaminare il Vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito per gli operatori dello stesso e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di internet. Google può anche trasferire queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google. Il sito web urla.com può utilizzare i cookie tecnici di terze parti riportati nella tabella seguente

Blog/portale      Cookie                                 Tipo        Utilizzo

urla.com              urla                                   tecnico       Tuo profilo

urla.com             Doubleclick                                           Analitycs

urla.com             Google Tag Manager                             Analitycs

urla.com             Google Analytics                                    Analitycs

urla.com             Instagram                                              Analitycs

urla.com             Youtube                                               Analitycs

urla.com             Facebook                                            Analitycs

urla.com             Twitter                                                Analitycs

Come modificare le impostazioni sui cookie? La maggior parte dei browser Internet accetta i cookie automaticamente, ma e' possibile modificare le impostazioni del browser per cancellare i cookie o impedirne l'accettazione automatica. Puoi anche rifiutare l'uso dei cookie ma in questo caso, la possibilita' di fornirti informazioni e servizi personalizzati sara' limitata, o alcune funzionalita' del sito potrebbero non funzionare correttamente ed alcuni dei servizi non essere disponibili. Di seguito una serie di link alle guide per le impostazioni relative ai cookie dei principali browser.

Chiudi