Chi vuole dividere il movimento?

Lettera aperta al Genoa social forum In seguito all’attacco da noi subito sul *Corriere della Sera* di oggi 4 giugno 2001, sentiamo il bisogno di prendere la parola non solo nelle sedi del movimentoantiglobalizzazione, ma anche in questa forma pubblica. Riteniamo non solo infondate bensì anche pretestuose ed ingiustificate alcune critiche che ci vengono pubblicamente rivolte attraverso dichiarazioni rilasciate al *Corriere*. Secondo alcune di queste dichiarazioni il Prc avrebbe intenzione di avviare una trattativa con il nuovo governo avente per oggetto il diritto, o meno, a manifestare contro il G8 a Genova. Non c’è nulla di piùfalso. Da mesi tutte le strutture del movimento, a cominciare dal Genoa Social Forum, delle quali facciamo parte a pieno titolo, e noi in particolare, abbiamo insistito su un fatto inequivocabile ed incontestabile: il diritto a manifestare è sancito dalla Costituzione e nessun governo, prefetto o questore può metterlo in discussione. Ma, come si sa, e come è successo anche in altre occasioni, le autorità preposte hanno tentato di impedire “di fatto” il diritto a manifestare imponendo percorsi e forme ai cortei tali da vanificarne il carattere di massa e l’incisività politica. Sulla ventilata chiusura di tutti gli accessi a Genova, sulla dimensione e sulla “violabilità o meno della

famigerata “Zona Rossa”, sul percorso teorico ma non materialmente praticabile del corteo del 21 luglio, ci sembrava e ci sembra importante aprire una trattativa con il governo. Del resto, questa nostra opinione segue la richiesta di incontro a Berlusconi, in qualità di presidente del consiglio in pectore, avanzata dai portavoce del Genoa Social Forum in occasione della conferenza stampa del 24 maggio. Non è mai stata nemmeno immaginata una trattativa separata del Prc, tanto che al tentativo di Frattini di dividere il movimento fra buoni (con cui trattare) e cattivi (da isolare e reprimere) Bertinotti ha risposto che se trattativa ci deve essere questa deve prevedere la partecipazione di tutti coloro che vogliono manifestare e che spetta unicamente al Genoa Social Forum comporre una delegazione ampia e rappresentativa. Mi permetto di aggiungere che il termine trattativa prevede, come esito della stessa, sia un accordo sia una rottura e anticipo fin d’ora che se trattativa ci sarà il Prc si atterrà alle decisioni che il Genoa Social Forum prenderà. Ma come mai, nonostante tutto sia chiaro da mesi, appare oggi una vera e propria operazione politica ospitata sul maggiore quotidiano italiano? Noi pensiamo sia l’ulteriore tentativo di dividere il movimento per poterlo criminalizzare meglio riducendolo all’impotenza. Nel corso di questi mesi, infatti, il tentativo di criminalizzare e ridurre a problema di ordine pubblico ogni contestazione della globalizzazione è sostanzialmente andato fallito. Troppe sono le contraddizioni aperte ed avvertite da soggetti sociali ed anche da una vasta opinione pubblica, troppe le conferme delle analisi e delle critiche alle organizzazioni come Wto, G8, Fmi, Banca mondiale, Nato, Ocse e così via. Troppa l’instabilità del sistema capitalistico globalizzato. Per questo il tentativo di criminalizzazione non è riuscito. Ed anche perché in Italia il movimento si è avvalso della partecipazione attiva di un partito politico nazionale presente nelle istituzioni che non ha mai concesso una sola virgola agli svariati tentativi, portati avanti da certi organi d’informazione e da esponenti governativi (dell’Ulivo) e dell’allora opposizione di destra, di incentrare tutto sulle presunte violenze, sulle forme di lotta piùche sui contenuti della lotta, tanto che in piùdi un’occasione gli attacchi contro di noi sono arrivati al punto (paradossale) di individuarci come simpatizzanti del terrorismo. Devo dire, ma lo dico sottovoce, che certe “dichiarazioni di guerra” e certe “consultazioni” sulle forme di lotta sostitutive del dibattito sui contenuti e gli obiettivi della mobilitazione hanno finito, come era ampiamente prevedibile, per alimentare il clima di caccia alle streghe e di “dagli al terrorista” orchestrato ad arte dai mass media. Oggi la campagna contro il movimento si fa piùfurba e piùsottile. Chiunque può capire che l’attacco a Bertinotti (nella solita forma subdola dell’attacco alla persona “colpevole” di essere popolare e riconosciuta anche al di fuori del ruolo di partito) e a Rifondazione Comunista è il tentativo, fin troppo evidente, di dividerci in un altro modo, visto che la divisione “buoni-cattivi” non riesce. Si tratta della contrapposizione che opporrebbe noi, partito politico, al resto del movimento fatto di associazioni, Ong, centri sociali ecc. Ecco allora che Bertinotti sarebbe animato da intenti egemonizzatori, che vorrebbe “controllare” il movimento e così via. E così il *Corriere della Sera* dedica un’intera pagina di dichiarazioni tese a dimostrare che il Prc sarebbe isolato nel movimento, avvalendosi di dichiarazioni di esponenti dell’associazionismo e di centri sociali. Un’apposito spazio per l’ennesima intervista viene dedicato alla Signora Grazia Francescato che ci accusa di: voler mettere “il cappello” al movimento, di volerlo “controllare”, di volerlo “strumentalizzare”, che si dichiara “non convinta sul tavolo di confronto con il governo”. Purtroppo la portavoce del Verdi non è nuova a dichiarazioni di questo tipo e di questo tono contro di noi. Abbiamo sempre scelto di non replicare (a proposito di stile) anche quando è arrivata a dire, poco tempo fa, “io c’ero a Seattle e a Praga, Bertinotti no” come a dire che lei sarebbe nel movimento e noi no. Forse a Grazia Francescato è sfuggita la presenza di migliaia di militanti di Rifondazione Comunista a Praga, a Nizza e in tante altre occasioni o forse è proprio questo che non tollera. Capiamo bene come sia difficile per chi ha immancabilmente votato a favore del Fondo Monetario e della Banca Mondiale anche finanziando questi organismi antidemocratici con migliaia di miliardi di lire del contribuente italiano, partecipare alle manifestazioni che li contestano frontalmente, capiamo bene come sia difficile votare per la guerra, per l’aumento delle spese militari, per tutte le missioni militari Nato e poi partecipare alle manifestazioni pacifiste, capiamo bene come sia difficile proclamarsi ambientalisti e poi partecipare a governi che decidono varianti di valico, alta velocità, ponti sugli stretti e politiche energetiche disastrose. Capiamo davvero, al punto che non abbiamo mai, dico mai, proposto di erigere steccati e di dichiarare fuori dal movimento antiglobalizzazione chi ha partecipato ad un governo che ha fatto dell’integrazione dell’Italia nella globalizzazione la bussola di ogni politica estera ed interna. Se oggi polemizziamo con Grazia Francescato lo facciamo solo perché vediamo l’intento di ridurre il movimento nella logica “protesta e convegni” impedendone una proiezione e una proposta politica. Ridurre il movimento alla pura opinione pubblica trasformandone l’azione politica al puro lobbismo democratico sarebbe la morte del movimento stesso. Quanti movimenti sono morti negli Stati Uniti protestando radicalmente e votando Carter, Clinton e Gore? Insomma, a Genova il movimento può crescere. Contro tutte le previsioni e tentativi di ucciderlo nella culla questo movimento esiste ed è visibile in tutto il mondo, è perfino riuscito a compiere un gigantesco passo avanti a Porto Alegre. Anche questo ultimo tentativo di dividerlo e di provocarne una involuzione intestina e una assurda competizione fra organizzazioni interne andrà fallito. Per parte nostra faremo di tutto perché sia piùampio, piùgrande numericamente e perché a Genova il G8 venga assediato dalla protesta popolare, democratica e pacifica piùgrande possibile. Ramon Mantovani 4/6/2001 20:06

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Politica della Privacy

Questo sito internet, urla.com e tutte le informazioni personali raccolte dagli utenti di questo Sito, sono proprietà esclusiva di urla.com. In questo documento di Politica della Privacy ogni riferimento a "noi", "ci", "nostro", sono riferimenti a urla.com.

La privacy dei nostri utenti per noi è una cosa seria.

Questo documento di "Politica della Privacy" (la "Politica") sintetizza come gestiamo le vostre informazioni personali ed è parte integrante dei "Termini e Condizioni d'Uso" del Sito. Questa Politica si applica solo a questo Sito e non alla raccolta e all'uso delle informazioni personali che potrebbero essere effettuate da qualsiasi terza parte attraverso qualsiasi altro sito web per il quale esistano collegamenti sul nostro sito.

Noi non siamo responsabili per le politiche della privacy di altri siti web e vi incoraggiamo a rendervi conto di quando lasciate il Sito.

Consenso

Il vostro uso di questo Sito, implica il consenso alla raccolta e all'utilizzo da parte nostra delle informazioni (a volte anche personali) che vi riguardano, nei termini indicati con questa Politica.

Che informazioni raccogliamo?

Potete accedere alla home page di questo Sito e navigare all'interno del Sito senza rivelarci alcun dato personale.

Per potervi fornire alcuni determinati servizi, però, potremmo aver bisogno di raccogliere alcune specifiche informazioni personali, che vi richiederemo se e quando necessario. In questi casi vi richiederemo esplicita autorizzazione al trattamento dei dati forniti (ad esempio nella pagina di registrazione).

Come utilizziamo le vostre informazioni?

Tutte le informazioni personali che vi riguardano saranno usate e registrate da noi nel rispetto della corrente normativa sul "trattamento dei dati personali" e secondo questa Politica.

Possiamo utilizzare le vostre informazioni personali per comunicare con voi, ad esempio per farvi sapere dell'esistenza di nuove funzioni e attività su urla.com, per realizzare indagini statistiche e, in forma aggregata (e quindi anonima) per attività di marketing, per tracciare le attività sul nostro sito, per pubblicare informazioni sulle pagine preferite e/o per migliorare l'utilità e i contenuti e per qualsiasi altro scopo che vi comunicheremo.

Possiamo gestire una o più mailing list, per inviarvi notizie relative al mondo urla.com . Queste mailing list sono "opt-in", il che significa che chi desidera esservi incluso deve iscriversi alla specifica lista.

Noi mandiamo email solo agli indirizzi che si sono iscritti ad una specifica lista. Noi non facciamo "spam".

Se desiderate cancellarvi da una lista (Cancellazione parziale), potete farlo dalla pagina di registrazione del sito o inviarci un email a info@urla.com .

Noi non condividiamo, né concediamo in uso a terzi né vendiamo i vostri indirizzi email.

Ci riserviamo il diritto di consegnare le vostre informazioni personali a chiunque dovesse prendersi carico della gesione del Sito o acquistasse in tutto o in parte le nostre proprietà, che includono i vostri dati personali. In questo caso sarete informati della cessione e potrete cancellare i vostri dati.

Ci riserviamo il diritto di consegnare le vostre informazioni personali all'autorità giudiziaria che ne facesse richiesta nell'ambito di una indagine ufficiale, una volta che fossimo ragionevolmente certi delle circostanze che riguardano la richiesta.

Ci riserviamo altresì il diritto di accedere e consegnare le vostre informazioni personali allo scopo di obbedire alle leggi in vigore e a legittime richieste da parte del governo, per far funzionare correttamente i nostri sistemi e per proteggere i nostri utenti e noi stessi. Ad eccezione di quanto esplicitamente dichiarato in questa Politica, non venderemo, né condivideremo, né concederemo in uso le vostre informazioni personali senza il vostro espresso consenso.

Sicurezza

Prendiamo ogni possibile precauzione per proteggere le vostre informazioni personali. Inoltre abbiamo protocolli di sicurezza per proteggere il nostro database degli utenti da accessi non autorizzati, uso improprio, modifiche non autorizzate, distruzione illegale o cancellazioni accidentali.

Noi consentiamo l'accesso al database dei nostri utenti solo quando assolutamente necessario e anche allora secondo regole severe riguardo a cosa si può fare di tali informazioni. Potremmo dovervi chiedere di dimostrare la vostra identità prima di darvi accesso a informazioni anche se vi riguardano.

Sondaggi

Il nostro scopo è di migliorare costantemente il servizio che offriamo. Di conseguenza potremmo occasionalmente intervistare i nostri utenti, utilizzando dei sondaggi.

La partecipazione ai sondaggi è volontaria, e non siete in alcun modo obbligati a rispondere alle domande che potreste ricevere da noi. Se decideste di rispondere, tratteremmo le informazioni che ci fornireste secondo gli stessi standard elevati con cui trattiamo tutte le altre informazioni personali degli utenti.

Attività La vostra partecipazione al nostro Sito significa che potremmo contattarvi per invitarvi a partecipare ad attività, giochi o concorsi. La partecipazione a qualsiasi attività del Sito è volontaria e non sarete in alcun modo tenuti a rispondere ai nostri inviti. Se decideste di partecipare a una nostra attività, tratteremmo le informazioni che ci fornireste secondo gli stessi standard elevati con cui trattiamo tutte le altre informazioni personali degli utenti. Cookie Quando visitate uno dei nostri Siti potremmo inviare un "cookie" al vostro browser. L'uso dei cookie non è in alcun modo collegato ad alcuna informazione personale raccolta durante la navigazione del Sito. Un cookie è un piccolo documento che è memorizzato sul disco fisso del vostro computer a scopo di archivio. Possiamo utilizzarli per fare diverse cose: ad esempio i cookie possono servire a mantenere statistiche anonime dei servizi da voi preferiti o dei percorsi che seguite durante la navigazione nel Sito. Quando i cookie sono utilizzati in questo modo, non siete identificati individualmente e qualsiasi informazione raccolta in questo modo è utilizzata solo in forma aggregata (statistica). Alcuni dei nostri partner commerciali (ad esempio licenziatari e sponsor) potrebbero utilizzare dei cookie sul nostro Sito (nei banner pubblicitari) o sui loro siti raggiungibili dal nostro tramite link. Noi non abbiamo accesso né possiamo controllare questi cookie. Non siete obbligati ad accettare i cookie da noi, né da alcun altro sito web e potete impostare il vostro browser perché non accetti i cookie, anche se in questo caso alcune funzioni del Sito potrebbero non essere disponibili. Correzione e aggiornamento dei dati personali Se i vostri dati personali cambiano o se credete che le informazioni nei nostri database che vi riguardano non siano corrette, potete aggiornarle accedendo come utenti registrati al vostro profilo o scrivendo a info@urla.com . Cancellazione parziale Speriamo che il nostro Sito e i servizi che offriamo vi piacciano. Potete comunque richiedere che i vostri dati personali non siano utilizzati nei modi riassunti sopra. Questa operazione è chiamata "cancellazione parziale" e può essere fatta in uno dei seguenti modi: - accedendo come utente registrato al vostro profilo, disabilitando i box relativi agli usi di dati non desiderati e salvando; - scrivendo a info@urla.com, indicando i servizi di cui non volete più fruire. Cancellazione totale In qualsiasi momento potete richiedere che i vostri dati personali siano completamente cancellati dai nostri database. Questa operazione è chiamata "cancellazione totale" e può essere fatta in uno dei seguenti modi: - accedendo come utente registrato al vostro profilo, selezionando l'opzione di cancellazione del profilo e seguendo le istruzioni; - scrivendo a info@urla.com , e seguendo le istruzioni che vi verranno fornite. Aggiornamenti del Sito e dei suoi servizi In quanto iscritti al Sito potremmo inviarvi messaggi che riguardano aggiornamenti relativi al Sito e ai suoi servizi. Se volete cancellarvi da questa mailing list, dovete effettuare la cancellazione totale. Notifiche di cambiamento Nel caso dovessimo modificare la nostra "Politica della Privacy", lo comunicheremo nella nostra home page. Supporto alla Privacy In caso di dubbi che riguardano la nostra "Politica della Privacy", potrete contattarci al nostro indirizzo email info@urla.com .


cookie & urla.com

urla.com utilizza i cookie, per semplificare e migliorare la navigazione. Cosa sono i Cookie? I cookie sono delle informazioni scambiate tra il server di urla.com e il tuo computer. Permettono di creare delle statistiche sulle aree del sito visitate dagli utenti in modo anonimo e vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi al sito stesso alla visita successiva.

I tipi di cookie che utilizza urla.com

Cookie funzionali Questi cookie sono essenziali al fine di consentire di spostarsi in tutto il sito ed utilizzare a pieno le sue caratteristiche. Cookie statistici e di performance Questi cookie raccolgono informazioni su come gli utenti utilizzano un sito web, ad esempio, quali sono le pagine più visitate, se si ricevono messaggi di errore da pagine web. Oppure indicano che si è arrivati su urla.com dopo aver ricercato una determinata parola su un motore di ricerca. Questi cookie non raccolgono informazioni che identificano un visitatore. Tutte le informazioni raccolte tramite cookie sono aggregate e quindi anonime. Come Google Analytics e Google Tag Manager Cookie sociali All'interno di alcune pagine (ad esempio il dettaglio di una notizia) ti consentono di condividere sulla tua bacheca facebook o sulla tua timeline twitter un indirizzo di urla.com.

Google Analytics e Google Tag Manager

urla.com e i suoi sottodomini utilizzano Google Analytics, un servizio di analisi web fornito da Google , Inc. ( "Google") . Google Analytics utilizza dei "cookies" , che sono file di testo depositati sul Vostro computer per consentire al sito web di analizzare come gli utenti utilizzano il sito . Le informazioni generate dal cookie sull'utilizzo del sito web ( compreso il Vostro indirizzo IP anonimo ) verranno trasmesse e depositate presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizzerà queste informazioni allo scopo di esaminare il Vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito per gli operatori dello stesso e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di internet. Google può anche trasferire queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google. Il sito web urla.com può utilizzare i cookie tecnici di terze parti riportati nella tabella seguente

Blog/portale      Cookie                                 Tipo        Utilizzo

urla.com              urla                                   tecnico       Tuo profilo

urla.com             Doubleclick                                           Analitycs

urla.com             Google Tag Manager                             Analitycs

urla.com             Google Analytics                                    Analitycs

urla.com             Instagram                                              Analitycs

urla.com             Youtube                                               Analitycs

urla.com             Facebook                                            Analitycs

urla.com             Twitter                                                Analitycs

Come modificare le impostazioni sui cookie? La maggior parte dei browser Internet accetta i cookie automaticamente, ma e' possibile modificare le impostazioni del browser per cancellare i cookie o impedirne l'accettazione automatica. Puoi anche rifiutare l'uso dei cookie ma in questo caso, la possibilita' di fornirti informazioni e servizi personalizzati sara' limitata, o alcune funzionalita' del sito potrebbero non funzionare correttamente ed alcuni dei servizi non essere disponibili. Di seguito una serie di link alle guide per le impostazioni relative ai cookie dei principali browser.

Chiudi