Rossi stritola pure Marquez: saprà reagire o crollerà come gli altri?

Dopo Biaggi, Gibernau, Stoner e Lorenzo, anche Marc deve inchinarsi nel corpo a corpo contro Rossi. Lo spagnolo della Honda ora è chiamato alla prova più dura: riuscire non essere ...leggi

BERLUSCONI: I MEDIA DRAMMATIZZANO LA CRISI

pontefintoROMA – La crisi “esiste” ma “é vissuta sui media in maniera piùdrammatica di quella che è”, basti pensare al “calo delle borse è dovuto a una manciata di azioni”. Lo ha detto il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, nel corso di una conferenza stampa a palazzo Chigi.

La Rai “é l’unica tv di Stato che attacca il governo in carica”.

“Non voglio rispondere qui a ipotesi dell’opposizione circa la garanzia per tutti coloro che perdono il posto di lavoro”, ha detto il premier con riferimento all’assegno di disoccupazione proposto dal leader del Pd Dario Franceschini. “Il sistema attuale – ha aggiunto – è già un sistema che consente di intervenire e modulare gli interventi e di farlo in maniera opportuna e migliore di quella che non sarebbe se adottassimo la misura che è stata preconizzata” che “sarebbe una licenza di licenziare, soprattutto per i piccoli imprenditori e gli artigiani”, i cui dipendenti “godrebbero dell’indennità e continuerebbero a lavorare in nero”. Sarebbe quindi, ha concluso Berlusconi, “un incentivo a licenziare e un incentivo al nero”.

Il Consiglio dei ministri oggi ha stanziato 4 miliardi di euro per gli ammortizzatori sociali. Ha detto Silvio Berlusconi aggiungendo che si aggiungono ai 4 miliardi di euro delle Regioni e al miliardo di euro della Finanziaria. “Complessivamente la somma diventa di 9 miliardi”, ha sottolineato il premier.

“Nessuno ha fatto piùnoi in Europa. Noi riteniamo che potremo fare di più, ma è tutto legato alla crisi e alla sua profondità“. Il Cavaliere ha spiegato che in Europa infatti se vi sono stati stanziamenti “piùimponenti sono stati per salvare le banche e non come supporto all’economia”.

CIPE: VIA LIBERA A 17,8 MLD PER INFRASTRUTTURE
Via libera a un pacchetto di 17,8 miliardi per le infrastrutture: è quanto ha stabilito il Cipe che si è riunito questa mattina a Palazzo Chigi. E’ quanto si apprende da fonti di governo.

Disco verde alle risorse per l’avvio della costruzione del Ponte sullo Stretto. Il costo totale dell’opera è di circa 6,1 miliardi e le risorse che il Cipe doveva varare e che hanno ottenuto l’ok sono pari a 1,3 miliardi.

Il pacchetto di risorse che ha ottenuto il via libera del Cipe è composto dai 16,6 miliardi previsti ai quali si aggiunge 1,2 miliardi per le infrastrutture dell’edilizia scolastica e quella carceraria.
Il pacchetto di risorse aggiuntive di 1,2 miliardi è composto da un miliardo del fondo per l’edilizia scolastica e da 200 milioni del fondo per quella carceraria.

Via libera allo stanziamento di 800 milioni di euro per il Mose.

ARRIVANO 1.510 MILIONI PER METROPOLITANE E EXPO
Sono 1.510 milioni di euro le risorse che, nell’ambito del pacchetto complessivo varato dal Cipe di 17,8 miliardi di euro, andranno a finanziare le ‘reti di trasporto e i sistemi metropolitani’. L’elenco delle opere che beneficeranno di questo contributo pubblico è il seguente: Opere connesse a Expo 2015, Linea C metropolitana Roma, Rete metropolitana regionale campana, Reti metropolitane di Palermo e Catania, Investimenti Catania, Sistemi urbani e metropolitani di Bari e di Cagliari, Adeguamento sistemi metropolitani di Parma Brescia Bologna, Aeroporto di Vicenza, Sistemi di trasporto lacuale.

1 comment to BERLUSCONI: I MEDIA DRAMMATIZZANO LA CRISI

Leave a Reply