Rossi stritola pure Marquez: saprà reagire o crollerà come gli altri?

Dopo Biaggi, Gibernau, Stoner e Lorenzo, anche Marc deve inchinarsi nel corpo a corpo contro Rossi. Lo spagnolo della Honda ora è chiamato alla prova più dura: riuscire non essere ...leggi

Sicilia, in Senato il ddl per la ‘sfiducia costruttiva’. Franceschini: ”Crisi segno di esplosione interna Pdl”

lombardo2“Una sola volta nel corso della legislatura l’Assemblea regionale può approvare una mozione di sfiducia” Il disegno di legge presentato dal capogruppo del Pdl Maurizio Gasparri, con una modifica dello statuto regionale, prevede l’elezione di un nuovo presidente della Giunta regionale espressione della stessa maggioranza uscita dal voto
Sfiducia costruttiva, ovvero elezione di un nuovo presidente della Giunta regionale espressione della stessa maggioranza uscita dal voto. E’ quanto prevede un disegno di legge costituzionale che modifica lo statuto della Regione Sicilia presentato al Senato dal Pdl e firmato dal capogruppo Maurizio Gasparri, dal vice Gaetano Quagliariello e dal presidente della commissione Affari costituzionali Carlo Vizzini.
La proposta “vuole rafforzare la logica che ha ispirato la riforma dello statuto siciliano del 2001, eliminandone quegli aspetti che hanno dimostrato di essere incoerenti rispetto al modello. Il ddl, infatti, prevede che, in caso di violazione del patto programmatico con gli elettori o di trasformazione della maggioranza che sostiene il Governo, quest’ultimo possa essere sfiduciato e sostituito con un nuovo presidente eletto dall’Assemblea, nell’ambito della coalizione che ha ottenuto la maggioranza alle elezioni”.

“In questi anni -spiegano i firmatari del ddl- in Sicilia, si è corso il rischio di passare in talune occasioni da una democrazia governante ad un regime autoritario. Cessata, e a volte tradita, la volonta’ popolare, interessi personali e di gruppo sono stati perseguiti a scapito dell’interesse personale. Questo disegno di legge ha lo scopo di garantire che l’elezione diretta del capo del governo contenga dei meccanismi di salvaguardia contro rischi di degenerazioni autoritarie”.

“Il Gruppo del Pdl, vista la priorità dell’argomento, farà propria questa proposta -concludono i firmatari- per poter chiedere fin dalla prossima seduta del Senato un iter più rapido, come previsto in questi casi dal Regolamento del Senato stesso”. Il testo del ddl prevede che “una sola volta nel corso della legislatura l’Assemblea regionale può approvare una mozione di sfiducia, che determina la decadenza dalla carica del presidente della Regione e degli assessori, nonche’ l’elezione a presidente della personalita’ indicata dalla mozione medesima, scelta tra gli appartenenti all’Assemblea. La mozione deve essere sottoscritta dalla metà più uno dei deputati appartenenti alla maggioranza che ha eletto il presidente della Regione, deve essere votata decorsi tre giorni dalla presentazione e approvata a maggioranza assoluta dai deputati eletti nelle liste collegate al candidato eletto presidente della Regione”.

Intanto sulla crisi di giunta in Sicilia torna il leader del Pd Dario Franceschini che attacca: “È il segno dell’esplodere delle contraddizioni interne al centrodestra. Prova ne è l’esasperazione dei toni della maggioranza che governa l’isola, a cominciare da quelli del presidente Lombardo che ieri ha parlato addirittura di ‘caccia all’uomo’, forse più con l’obiettivo di fare pubblicità alla lista che ha formato con La Destra di Storace che non altro”.

Lo ha detto il leader del Pd, Dario Franceschini. “In una situazione del genere – ha aggiunto – il rigore sarebbe d’obbligo, ma non e’ lo stile a cui il Pdl ci ha abituati. Va da se’ che i nostri comportamenti e i nostri atteggiamenti sarebbero, in in caso simile, di ben altro tenore”. “Sia chiaro che senza una certificazione ufficiale di un rovesciamento dello schema di centrodestra – ha evidenziato Franceschini – non faremo soccorso rosso a nessuno”.

Leave a Reply