admin/ Luglio 15, 2009/ Cronaca/ 0 comments

sandroViolente proteste in aula. Il padre della vittima: «Una vergogna per l’Italia». Il pm aveva chiesto 14 anni di reclusione. Derubricato il reato da omicidio volontario a colposo
AREZZO – La corte d’Assise di Arezzo ha condannato a sei anni di reclusione il poliziotto Luigi Spaccarotella, che l’ 11 novembre 2007, nell’area di servizio Badia al Pino, vicino ad Arezzo, uccise con un colpo di pistola il tifoso laziale Gabriele Sandri. Il pm aveva chiesto una pena di 14 anni di reclusione. Ma la corte ha derubricato il reato da omicidio volontario a colposo. Subito dopo la lettura del dispositivo, vi sono state urla in aula contro i giudici.

I GENITORI – «Adesso me lo hanno ammazzato una seconda volta. Come fai a credere nella giustizia? Adesso non ci credi più». Così Daniela Sandri, la madre di Gabriele, tra le lacrime, ha commentato la sentenza del Tribunale di Arezzo. «Quando stasera tornano a casa, li avranno dei figli – ha aggiunto -? Come fanno a guardarli negli occhi? Gabriele non me lo ridà nessuno, ma questo è troppo, è una cosa tremenda». «È una vergogna per tutta l’Italia», ha urlato Giorgio Sandri, padre di Gabriele. «Hanno ammazzato mia moglie un’altra volta, forse adesso la portiamo via con l’ambulanza, hanno ammazzato mio figlio. Io consiglierei a tutti i cittadini di non spendere più i soldi per la giustizia perché se la giustizia è questa sono soldi buttati. Non sono bastati cinque testimoni che hanno visto quello che ha fatto l’individuo, quando basta un pentito di mafia per mandare gente all’ergastolo per 30 anni. Evidentemente la divisa ha il suo peso. Mi vergogno di essere italiano, mi vergogno di aver creduto nella giustizia. Per fortuna che c’è la giustizia divina che penserà a Spaccarotella, a quella non potrà sfuggire senz’altro». Svenimenti, scene di panico e parolacce sul piazzale antistante il Tribunale di Arezzo, dove si sono radunati una trentina di amici di Gabriele. La reazione alla lettura della sentenza era stata di grande rabbia, e alcuni tifosi della Lazio amici di Gabriele hanno inveito contro Spaccarotella e contro i giudici, ma dopo un po’ il fratello di «Gabbo», Cristiano Sandri, li ha riportati alla calma dicendo che così «si uccide Gabriele per la terza volta, fatela finita». Un’amica di Gabriele, Cinzia, dall’emozione ha accusato un malore, è stata soccorsa dai sanitari ed è stata portata via in ambulanza.
SPACCAROTELLA – «Ho pianto di gioia. Ho fatto bene a credere nella giustizia». È felice Luigi Spaccarotella, commentando al telefono con il suo avvocato Federico Bagattini, l’agente condannato oggi a sei anni per omicidio colposo. «Sono contento per Spaccarotella», ha commentato l’avvocato Federico Bagattini, che con il collega Francesco Molino difende l’agente. «E’ stato riconosciuto quanto lui ha sempre detto, e cioè di non aver voluto ammazzare nessuno». «Ovviamente la pena è molto gravosa, troppo eccessiva, e su questo punto faremo appello. Intanto usciamo dall’omicidio volontario, che evidentemente è il risultato al quale tendevamo», ha aggiunto Bagattini. Nonostante la condanna l’agente di polizia per ora non andrà in carcere: i suoi difensori hanno, infatti, annunciato appello, per cui, in base alle previsioni del codice di procedura penale, l’imputato attenderà in libertà il processo di secondo grado, che si svolgerà probabilmente il prossimo anno. Solo quando la sentenza nei confronti di Spaccarotella diventerà irrevocabile sarà emesso il provvedimento per l’esecuzione della pena.

COLPA COSCIENTE – Il reato di omicidio colposo del tifoso Gabriele Sandri, per il quale il poliziotto Luigi Spaccarotella è stato condannato a sei anni di reclusione, è stato commesso con l’aggravante – riconosciuta dalla Corte d’assise – della «colpa cosciente», cioè della previsione dell’evento. La colpa cosciente – molto simile al dolo eventuale – ricorre quando l’agente ha previsto l’evento senza però averlo voluto (a differenza della colpa incosciente, che è senza previsione alcuna dell’evento): in definitiva, l’agente Spaccarotella avrebbe sparato contro Sandri – secondo i giudici – senza intenzione di ucciderlo, ma accettando il rischio che quell’evento potesse verificarsi. L’omicidio colposo è punito dal codice con una pena massima di cinque anni: è quindi verosimile – ma lo si saprà solo quando la sentenza sarà depositata – che i giudici abbiano determinato la pena sommando al massimo previsto per l’omicidio colposo un altro anno proprio in virtù dell’aggravante della colpa cosciente.

IL PROCESSO – La sentenza di primo grado arriva dopo quattro mesi dall’apertura del processo, che aveva preso il via lo scorso 20 marzo. La giuria si era riunita in Camera di Consiglio alle 11.30, dopo le repliche e le controrepliche della mattinata. Il pubblico ministero, Giuseppe Ledda, aveva chiesto 14 anni per omicidio volontario con dolo eventuale, con le attenuanti generiche per lo sconto di un terzo della pena. All’esterno del tribunale di Arezzo si erano radunati alcuni amici di Gabbo con degli striscioni: «È ora che sia fatta giustizia per Gabriele», recitava uno. L’omicidio avvenne l’11 novembre 2007 nell’area di servizio dell’A1 di Badia al Pino, nei pressi di Arezzo: il ragazzo fu raggiunto da un colpo sparato dal poliziotto.

CONSIGLIERI PDL: «INTERDETTI» – «Possiamo solo lontanamente immaginare quanto la famiglia di Gabriele stia passando in questo momento e a loro esprimiamo tutta la nostra vicinanza e solidarietà. Quella emessa dalla Corte di Assise di Arezzo è una sentenza che ci lascia tutti interdetti e sgomenti». Lo dichiarano in una nota i consiglieri comunali del Pdl, Alessandro Cochi, Marco Visconti, Federico Guidi, Ugo Cassone, Luca Gramazio.

ALEMANNO – «Esprimo profonda insoddisfazione per la sentenza che ha condannato l’agente di polizia Luigi Spaccarotella a soli 6 anni di reclusione per l’omicidio di Gabriele Sandri». Lo afferma il sindaco di Roma, Gianni Alemanno. «Pur riservandomi di leggere le motivazioni della sentenza, mi pare non accettabile la derubricazione del reato da omicidio volontario a colposo. In ogni caso, la pena risulta troppo mite rispetto a un fatto così grave che ha duramente colpito non solo la famiglia ma tutta la città. Mi auguro che il Pubblico Ministero, data la diversità fra le richieste e la sentenza, ricorra in appello e, in quella sede, la sentenza possa essere rivista per non lasciare in tutto il mondo degli sportivi romani un senso di profonda ingiustizia».

LOTITO – «È necessario attendere le motivazioni della sentenza, prima di esprimere qualunque giudizio e confermare il rispetto che si deve ai giudici ed alle loro decisioni nell’ambito di una vicenda triste che ha colpito profondamente la coscienza di tutti noi» ha detto il presidente della Lazio, Claudio Lotito.

Share this Post

Leave a Comment