Solo un Leviatano può salvarci

Un mese fa Rossana Rossanda riflettendo sulla crisi che attraversa l’Europa, poneva “agli amici economisti e ai padri e padrini (di battesimo cattolico) della Ue” una domanda evidentemente retorica. Questa: “Non c’è stato qualche errore nella costituzione della Ue? E come si ripara?”
A rigore, non sarei tenuto a rispondere. Sia perché non sono un economista e, d’altronde, non sulle dottrine economiche dominanti mi sono formato … ma sulla “critica dell’economia politica”. Sia perché nessun rapporto di parentela culturale e politica avrei potuto avere con i “costituenti” dell’Unione europea e con gli sperticati apologeti dell’Ue. Per di più, un certo impegno di studioso lo ho dedicato alle istituzioni europee, da quello di Maastricht in poi, lasciandone su “la rivista del manifesto” alcune tracce, il cui senso, per eleganza, ometto di ricordare (1). Rossana però, riferendosi alla “costituzione” della Ue, quasi mi impone di intervenire.
Inizio con una constatazione che a me pare del tutto evidente. Un fallimento vero e proprio si è avuto, è avanti a noi. È insieme istituzionale, politico, culturale. Può scadere in un catastrofico default finanziario. È il fallimento dell’Unione europea come disegnata dai Trattati. Ne investe il principio politico, quello del neoliberismo cui questi Trattati si ispirano. È quindi il fondamento su cui si erge l’intero e complesso edificio istituzionale denominato Ue che viene travolto dal default. Non lo si dichiara, non lo si vuole ammettere. Anzi, si continua a fingere che siano valide e obbligate le strategie e le tattiche derivanti dal principio fallito, quello di “un’economia di mercato aperta ed in libera concorrenza”. Il Trattato di Maastricht lo pose come primario, fondante, assoluto. I Trattati successivi lo hanno confermato, ma sistemandolo al centro di una corolla espressiva di sentimenti tanto nobili quanto vacui. Per ribadirne il primato, difendendolo dalle eccezioni di qualche giudice costituzionale come il Tribunale costituzionale tedesco di Karlsruhe, il Trattato di Lisbona ha ribattezzato come “sociale” l’economia di mercato cui l’intero ordinamento istituzionale è finalizzato. Le ha imposto però di essere “fortemente competitiva”. Deve trattarsi della stessa competitività che persegue Marchionne. In nome della quale concezione dell’economia, della politica e … del mondo si sta continuando a prescrivere che bisogna privatizzare quanto più si può, strappare i lacci e i laccioli alla libera impresa, adeguare ai mutamenti globali i diritti sociali, perciò limitarli, comprimerli, “riformare” il welfare, svuotandolo.

Fu tale concezione dell’economia che indusse i redattori dei Trattati europei a disegnare, costruire, definire istituzioni, poteri, organi, procedimenti, atti normativi, di indirizzo, amministrativi, giurisdizionali, di controllo senza però che potesse esserci un governo, un governo dell’economia. Si pensava che una Banca garante della sola stabilità dei prezzi bastasse a … non governare. Perchè a governare avrebbe provveduto il mercato. E per attribuirgli questo potere, garantirglielo, perpetuaglielo che si crearono quelle istituzioni, quei poteri, quelle procedure, quelle tipologie normative, quei controlli, l’intero ordinamento fu finalizzato a quel solo obiettivo. Mai una aggregazione umana a forma stato era comparsa nell’esperienza giuspolitica del mondo priva di un organo di governo. La si volle così fatta. Chissà. Si pensò forse di integrare le forme di stato sperimentate nella storia delle istituzioni. Un intento gigantesco, del tutto singolare. Si è rivelato disastroso.

Se ne ebbe la prova già nel corso del processo di costruzione dell’Ue. La spoliticizzazione operata, in nome e per conto dell’autoregolazione del mercato e degli altri corollari del neoliberismo, produceva un effetto del tutto opposto a quello creduto ed esaltato dagli euro-credenti: invece di crescere, il PIL calava clamorosamente in ogni Paese dell’Ue rispetto ai valori pre-Maastricht (2). La crisi attuale ne è l’ulteriore dimostrazione: dietro l’angolo della decrescita si staglia la sagoma della bancarotta. Gli interventi pubblici adottati e richiesti per parare il pericolo e rimuoverne i fattori dimostrano la loro ineluttabilità. Con essa la prova incontestabile del fallimento del neoliberismo realizzato. Apprendo, nello scrivere queste note, che dai colloqui tra Merkel e Sarkozy, è emersa la decisione di creare un governo economico europeo. Una lacuna grave ed assurda verrebbe quindi colmata. Non so se sarà costituito in tempo per prevenire il peggio. Ben venga comunque. Ma a condizione che sia dotata di poteri adeguati e che sappia e voglia difendere la validità del modello sociale europeo stravolto dall’Unione dei mercati e dei mercanti d’Europa. E non soltanto.

È del tutto evidente infatti che la crisi non è solo europea. Ha una origine più lontana e profonda. È strutturale, incombente, globale. Ebbe come detonatore la scelta operata dagli Stati Uniti nel 1971 di ripudiare il sistema dei cambi fissi a favore della convertibilità delle valute in dollari e dei dollari in oro. Ne conseguì la liberalizzazione dei capitali dagli stati, cioè la liberazione dei capitali dalla democrazia degli stati, qualunque grado, estensione, intensità avesse raggiunto il loro processo di democratizzazione. Iniziò così la “rivoluzione passiva” che il capitale sta compiendo, la controrivoluzione diretta a cancellare le conquiste della lotta secolare del movimento operaio e democratico riassunte nel prodotto virtuoso dei “trenta gloriosi”, lo stato sociale. Si aprì infatti la strada maestra alla finanziarizzazione dell’economia, come immediata contro-spinta alla tendenziale caduta del tasso di profitto del capitale(3). Una finanziarizzazione massiccia, invasiva, pervasiva. Dagli effetti devastanti, determinati dagli stati che nelle istituzioni sopranazionali congiungono l’esercizio dei loro poteri per immunizzare la loro responsabilità e li delegano in via permanente agli attori del sistema finanziario (organizzazioni internazionali, grandi gruppi industriali e finanziari). Attori il cui “scopo preminente… è consistito nell’estrarre valore dalle classi medie e medio-inferiori … non soltanto attraverso lo sfruttamento del lavoro, ma anche mediante il coinvolgimento del maggior numero possibile degli aspetti della loro esistenza nel sistema finanziario” (4). Nel 1980, la ricchezza posseduta dal Paese più ricco del mondo era pari ad 88 volte quella del Paese più povero, oggi “la disparità è salita a 270 volte. I 1000 individui più ricchi del mondo hanno un patrimonio netto di poco inferiore al doppio del patrimonio totale dei 2,5 miliardi di individui più poveri”(5).

Rossana domanda come riparare. So di osare molto ma ci provo. Riprendo una riflessione maturata da tempo. Invoco il Leviatano, il soggetto-stato, titolare per eccellenza del potere normativo. Innanzitutto per denunziarne la responsabilità. Quella di un’abdicazione concertata tra tutti gli stati per insieme delegare al mercato la regolazione del mercato. Una delega senza limiti e senza criteri direttivi che ha così privilegiato, tra tutti gli esseri umani e contro tutti gli esseri umani, gli attori del mercato finanziario. Attori che si sono rivelati per quello che erano e che potevano essere: responsabili dello spostamento più consistente della ricchezza prodotta dai salari ai profitti e della più massiccia ed estesa compressione dei bisogni elementari delle donne e degli uomini del mondo. Hanno realizzato questa compressione attraverso la produzione senza fine dei più vari prodotti finanziari, incontrollabili per quantità e qualità e con l’aggiunta di un mercato finanziario ombra. Questi prodotti hanno avvolto milioni e milioni di persone non soltanto nel rapporto specifico del prodotto finanziario che li ha vincolati, ma nell’ideologia complessiva del capitalismo finanziario, quella per cui ciascuno poteva essere imprenditore di se stesso. Allo stesso titolo, con le stesse possibilità di successo, chi erediterà il patrimonio di Soros e il precario alla ricerca di un contratto purchessia.

Sia chiaro. Che l’economia reale abbia bisogno del sistema finanziario per poter adeguatamente funzionare è più che ovvio. È disastrosa invece la rottura del rapporto di funzionalità dell’uno nei confronti dell’altra, è il distacco dell’uno rispetto all’altra che determina effetti perversi, specie se il valore dell’uno aumenta vertiginosamente ed enormemente rispetto a quello verso cui è, e dovrebbe essere servente. Il che, se dipende in primo luogo dall’avidità sconfinata, irresponsabile e certamente criminale degli agenti del sistema finanziario, è da imputare soprattutto alla deregulation, all’abdicazione degli stati a favore del mercato.
Va detto senz’ambagi. Non è vero che i mercati hanno espropriato gli stati. È vero, invece, che gli stati hanno abdicato a favore dei mercati. Non è vero che la globalizzazione ha esautorato gli stati. Li ha solo indotti ad esercitare congiuntamente il loro potere per corrispondere alle esigenze della globalizzazione. Le cui istituzioni sono infatti gestite dai commissari che rappresentano in esse gli stati ed agiscono sulla base delle attribuzioni che, mediante specifici Trattati, gli stati conferiscono a tali istituzioni, internazionali o sovranazionali che siano.

A decidere le deregolazioni degli anni ’80 non fu certo la spontaneità delle masse degli sfruttati e degli oppressi. Furono gli stati governati dai credenti di vecchia e nuova ortodossia liberistica. A porre norme, a farle eseguire non ci sono che gli stati. Nessun altro soggetto, nessun altro sistema è emerso per sostituirli. Se qualcuno pensa che invece ci sia, per cortesia, lo indichi.

Si racconta che fu chiesto ad un economista, come si diventa proprietari di capitali, come si diventa proprietari dei prodotti creati per mezzo di questi capitali. Gli fu risposto: “Mediante il diritto positivo” (6). È mediante il diritto positivo, mediante gli stati, titolari del potere di porre le norme del diritto positivo, che i detentori di capitali e i loro agenti devono essere regolati, limitati, civilizzati per quanto possibile, condotti a giustizia e a ragione. La crisi che, dal 2007, con varia intensità, tormenta non soltanto l’Occidente, non è un evento derivante … da movimenti del cosmo. Ha alla sua origine la liberalizzazione dei capitali, la deregolazione permanente imposta da trenta anni dall’ideologia neoliberista. Ne è derivata la devoluzione del potere di governo agli attori del mercato. Non è un sospetto diffuso dai critici del capitalismo. Lo si ricava da una indagine dell’ONU (7). Viene spontaneo domandarsi quanti possano essere gli attori dei mercati finanziari. Pare che non superino i dieci milioni (8). Dieci milioni di individui hanno nelle loro mani le condizioni di vita di miliardi di donne e di uomini. Gliele hanno affidate gli stati in nome del neoliberismo, del totem dell’economia di mercato aperta ed in libera concorrenza.

Qualche ragione quindi c’è per chiedere agli stati che così come hanno congiuntamente abdicato, così congiuntamente devono riacquisire i poteri per i quali furono inventati, esercitandoli con sapienza e con rigore. Tra questi poteri, quello di attribuire alle entità istituzionali che hanno creato e che creano gli strumenti istituzionali adeguati ai compiti che assegnano a tali entità. Non lasciando, come ad esempio in Europa, senza regole e senza organi, il governo dell’economia. Ma dettando regole ed istituendo organi che il mercato lo governino e lo governino in funzione di quegli interessi che hanno un valore non misurabile in termini di profitto.
Vanno quindi richiamati ai loro doveri, gli stati, a quelli che sono esattamente i loro compiti. A richiamarli, sostituendo gli attori del sistema finanziario che finora li hanno dominati, devono essere i milioni, milioni e milioni di donne e di uomini che ne sono state e ne sono le vittime.
A chiederlo agli stati è la democrazia, la fonte della loro legittimazione. Ad imporlo deve essere la politica, se non ha dissolto la sua ragion d’essere.

da: Il Manifesto di Gianni Ferrara

(1) Sono comunque riassunte in G. Ferrara, Il fallimento del trattato costituzionale europeo, AA. VV. , Costituzione europea: quale futuro? Ediesse, 2006, 93 e ss.
(2) Sulle conseguenze perverse della mancanza di un’autorità politica che governi l’economia dell’Ue, e per un quadro analitico e ricostruttivo esaustivo dei limiti dell’ordinamento europeo cfr. G. Guarino, L’Europa imperfetta. Ue: problemi, analisi, prospettive, in corso di pubblicazione ma v. già in ID., Ratificare Lisbona? Passigli ed., 2008.
(3) Marx, Il Capitale, III, Editori Riuniti, 1974, 264, spec. 290.
(4) Così L. Gallino, Finanzcapitalismo, La civiltà del denaro in crisi, Einaudi, 2011, 106.
(5) Gallino, op. cit., 160.
(6) Marx, Manoscritti economico-filosofici del 1844, Einaudi, 1973, 29.
(7) Cfr. Conferenze on Social Political Dimensions of the Global Crisis: Implications for Developing Countries, Ginevra, nov. 2009, citato da L. Gallino, op. cit. loc. ult. cit.
(8) La stima è di L. Gallino, Con i soldi degli altri. Il capitalismo per procura contro l’economia

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Politica della Privacy

Questo sito internet, urla.com e tutte le informazioni personali raccolte dagli utenti di questo Sito, sono proprietà esclusiva di urla.com. In questo documento di Politica della Privacy ogni riferimento a "noi", "ci", "nostro", sono riferimenti a urla.com.

La privacy dei nostri utenti per noi è una cosa seria.

Questo documento di "Politica della Privacy" (la "Politica") sintetizza come gestiamo le vostre informazioni personali ed è parte integrante dei "Termini e Condizioni d'Uso" del Sito. Questa Politica si applica solo a questo Sito e non alla raccolta e all'uso delle informazioni personali che potrebbero essere effettuate da qualsiasi terza parte attraverso qualsiasi altro sito web per il quale esistano collegamenti sul nostro sito.

Noi non siamo responsabili per le politiche della privacy di altri siti web e vi incoraggiamo a rendervi conto di quando lasciate il Sito.

Consenso

Il vostro uso di questo Sito, implica il consenso alla raccolta e all'utilizzo da parte nostra delle informazioni (a volte anche personali) che vi riguardano, nei termini indicati con questa Politica.

Che informazioni raccogliamo?

Potete accedere alla home page di questo Sito e navigare all'interno del Sito senza rivelarci alcun dato personale.

Per potervi fornire alcuni determinati servizi, però, potremmo aver bisogno di raccogliere alcune specifiche informazioni personali, che vi richiederemo se e quando necessario. In questi casi vi richiederemo esplicita autorizzazione al trattamento dei dati forniti (ad esempio nella pagina di registrazione).

Come utilizziamo le vostre informazioni?

Tutte le informazioni personali che vi riguardano saranno usate e registrate da noi nel rispetto della corrente normativa sul "trattamento dei dati personali" e secondo questa Politica.

Possiamo utilizzare le vostre informazioni personali per comunicare con voi, ad esempio per farvi sapere dell'esistenza di nuove funzioni e attività su urla.com, per realizzare indagini statistiche e, in forma aggregata (e quindi anonima) per attività di marketing, per tracciare le attività sul nostro sito, per pubblicare informazioni sulle pagine preferite e/o per migliorare l'utilità e i contenuti e per qualsiasi altro scopo che vi comunicheremo.

Possiamo gestire una o più mailing list, per inviarvi notizie relative al mondo urla.com . Queste mailing list sono "opt-in", il che significa che chi desidera esservi incluso deve iscriversi alla specifica lista.

Noi mandiamo email solo agli indirizzi che si sono iscritti ad una specifica lista. Noi non facciamo "spam".

Se desiderate cancellarvi da una lista (Cancellazione parziale), potete farlo dalla pagina di registrazione del sito o inviarci un email a info@urla.com .

Noi non condividiamo, né concediamo in uso a terzi né vendiamo i vostri indirizzi email.

Ci riserviamo il diritto di consegnare le vostre informazioni personali a chiunque dovesse prendersi carico della gesione del Sito o acquistasse in tutto o in parte le nostre proprietà, che includono i vostri dati personali. In questo caso sarete informati della cessione e potrete cancellare i vostri dati.

Ci riserviamo il diritto di consegnare le vostre informazioni personali all'autorità giudiziaria che ne facesse richiesta nell'ambito di una indagine ufficiale, una volta che fossimo ragionevolmente certi delle circostanze che riguardano la richiesta.

Ci riserviamo altresì il diritto di accedere e consegnare le vostre informazioni personali allo scopo di obbedire alle leggi in vigore e a legittime richieste da parte del governo, per far funzionare correttamente i nostri sistemi e per proteggere i nostri utenti e noi stessi. Ad eccezione di quanto esplicitamente dichiarato in questa Politica, non venderemo, né condivideremo, né concederemo in uso le vostre informazioni personali senza il vostro espresso consenso.

Sicurezza

Prendiamo ogni possibile precauzione per proteggere le vostre informazioni personali. Inoltre abbiamo protocolli di sicurezza per proteggere il nostro database degli utenti da accessi non autorizzati, uso improprio, modifiche non autorizzate, distruzione illegale o cancellazioni accidentali.

Noi consentiamo l'accesso al database dei nostri utenti solo quando assolutamente necessario e anche allora secondo regole severe riguardo a cosa si può fare di tali informazioni. Potremmo dovervi chiedere di dimostrare la vostra identità prima di darvi accesso a informazioni anche se vi riguardano.

Sondaggi

Il nostro scopo è di migliorare costantemente il servizio che offriamo. Di conseguenza potremmo occasionalmente intervistare i nostri utenti, utilizzando dei sondaggi.

La partecipazione ai sondaggi è volontaria, e non siete in alcun modo obbligati a rispondere alle domande che potreste ricevere da noi. Se decideste di rispondere, tratteremmo le informazioni che ci fornireste secondo gli stessi standard elevati con cui trattiamo tutte le altre informazioni personali degli utenti.

Attività La vostra partecipazione al nostro Sito significa che potremmo contattarvi per invitarvi a partecipare ad attività, giochi o concorsi. La partecipazione a qualsiasi attività del Sito è volontaria e non sarete in alcun modo tenuti a rispondere ai nostri inviti. Se decideste di partecipare a una nostra attività, tratteremmo le informazioni che ci fornireste secondo gli stessi standard elevati con cui trattiamo tutte le altre informazioni personali degli utenti. Cookie Quando visitate uno dei nostri Siti potremmo inviare un "cookie" al vostro browser. L'uso dei cookie non è in alcun modo collegato ad alcuna informazione personale raccolta durante la navigazione del Sito. Un cookie è un piccolo documento che è memorizzato sul disco fisso del vostro computer a scopo di archivio. Possiamo utilizzarli per fare diverse cose: ad esempio i cookie possono servire a mantenere statistiche anonime dei servizi da voi preferiti o dei percorsi che seguite durante la navigazione nel Sito. Quando i cookie sono utilizzati in questo modo, non siete identificati individualmente e qualsiasi informazione raccolta in questo modo è utilizzata solo in forma aggregata (statistica). Alcuni dei nostri partner commerciali (ad esempio licenziatari e sponsor) potrebbero utilizzare dei cookie sul nostro Sito (nei banner pubblicitari) o sui loro siti raggiungibili dal nostro tramite link. Noi non abbiamo accesso né possiamo controllare questi cookie. Non siete obbligati ad accettare i cookie da noi, né da alcun altro sito web e potete impostare il vostro browser perché non accetti i cookie, anche se in questo caso alcune funzioni del Sito potrebbero non essere disponibili. Correzione e aggiornamento dei dati personali Se i vostri dati personali cambiano o se credete che le informazioni nei nostri database che vi riguardano non siano corrette, potete aggiornarle accedendo come utenti registrati al vostro profilo o scrivendo a info@urla.com . Cancellazione parziale Speriamo che il nostro Sito e i servizi che offriamo vi piacciano. Potete comunque richiedere che i vostri dati personali non siano utilizzati nei modi riassunti sopra. Questa operazione è chiamata "cancellazione parziale" e può essere fatta in uno dei seguenti modi: - accedendo come utente registrato al vostro profilo, disabilitando i box relativi agli usi di dati non desiderati e salvando; - scrivendo a info@urla.com, indicando i servizi di cui non volete più fruire. Cancellazione totale In qualsiasi momento potete richiedere che i vostri dati personali siano completamente cancellati dai nostri database. Questa operazione è chiamata "cancellazione totale" e può essere fatta in uno dei seguenti modi: - accedendo come utente registrato al vostro profilo, selezionando l'opzione di cancellazione del profilo e seguendo le istruzioni; - scrivendo a info@urla.com , e seguendo le istruzioni che vi verranno fornite. Aggiornamenti del Sito e dei suoi servizi In quanto iscritti al Sito potremmo inviarvi messaggi che riguardano aggiornamenti relativi al Sito e ai suoi servizi. Se volete cancellarvi da questa mailing list, dovete effettuare la cancellazione totale. Notifiche di cambiamento Nel caso dovessimo modificare la nostra "Politica della Privacy", lo comunicheremo nella nostra home page. Supporto alla Privacy In caso di dubbi che riguardano la nostra "Politica della Privacy", potrete contattarci al nostro indirizzo email info@urla.com .


cookie & urla.com

urla.com utilizza i cookie, per semplificare e migliorare la navigazione. Cosa sono i Cookie? I cookie sono delle informazioni scambiate tra il server di urla.com e il tuo computer. Permettono di creare delle statistiche sulle aree del sito visitate dagli utenti in modo anonimo e vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi al sito stesso alla visita successiva.

I tipi di cookie che utilizza urla.com

Cookie funzionali Questi cookie sono essenziali al fine di consentire di spostarsi in tutto il sito ed utilizzare a pieno le sue caratteristiche. Cookie statistici e di performance Questi cookie raccolgono informazioni su come gli utenti utilizzano un sito web, ad esempio, quali sono le pagine più visitate, se si ricevono messaggi di errore da pagine web. Oppure indicano che si è arrivati su urla.com dopo aver ricercato una determinata parola su un motore di ricerca. Questi cookie non raccolgono informazioni che identificano un visitatore. Tutte le informazioni raccolte tramite cookie sono aggregate e quindi anonime. Come Google Analytics e Google Tag Manager Cookie sociali All'interno di alcune pagine (ad esempio il dettaglio di una notizia) ti consentono di condividere sulla tua bacheca facebook o sulla tua timeline twitter un indirizzo di urla.com.

Google Analytics e Google Tag Manager

urla.com e i suoi sottodomini utilizzano Google Analytics, un servizio di analisi web fornito da Google , Inc. ( "Google") . Google Analytics utilizza dei "cookies" , che sono file di testo depositati sul Vostro computer per consentire al sito web di analizzare come gli utenti utilizzano il sito . Le informazioni generate dal cookie sull'utilizzo del sito web ( compreso il Vostro indirizzo IP anonimo ) verranno trasmesse e depositate presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizzerà queste informazioni allo scopo di esaminare il Vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito per gli operatori dello stesso e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di internet. Google può anche trasferire queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google. Il sito web urla.com può utilizzare i cookie tecnici di terze parti riportati nella tabella seguente

Blog/portale      Cookie                                 Tipo        Utilizzo

urla.com              urla                                   tecnico       Tuo profilo

urla.com             Doubleclick                                           Analitycs

urla.com             Google Tag Manager                             Analitycs

urla.com             Google Analytics                                    Analitycs

urla.com             Instagram                                              Analitycs

urla.com             Youtube                                               Analitycs

urla.com             Facebook                                            Analitycs

urla.com             Twitter                                                Analitycs

Come modificare le impostazioni sui cookie? La maggior parte dei browser Internet accetta i cookie automaticamente, ma e' possibile modificare le impostazioni del browser per cancellare i cookie o impedirne l'accettazione automatica. Puoi anche rifiutare l'uso dei cookie ma in questo caso, la possibilita' di fornirti informazioni e servizi personalizzati sara' limitata, o alcune funzionalita' del sito potrebbero non funzionare correttamente ed alcuni dei servizi non essere disponibili. Di seguito una serie di link alle guide per le impostazioni relative ai cookie dei principali browser.

Chiudi