Dario Fo racconta il ‘fattaccio’ kazako

foAblyazov: Il Nobel mette in scena Nursultan Nazarbayev e pupillo Mukhtar
Il premio Nobel racconta, sulle pagine del Fatto Quotidiano, “il fattaccio ingarbugliato e orrendo del rapimento di Alma Shalabayeva e di sua figlia Alua, perpetrato con cinismo a dir poco osceno dall’ambasciatore kazako, che ha gestito i ministri, sottosegretari e polizia italiana come un burattinaio fa con le sue marionette”
Nursultan Nazarbayev, “il Giulio Cesare della situazione”, e il suo pupillo Mukhtar, novello Vercingetorige, sono i personaggi con cui il premio Nobel Dario Fo racconta, sulle pagine del Fatto Quotidiano, “il fattaccio ingarbugliato e orrendo del rapimento di Alma Shalabayeva e di sua figlia Alua, perpetrato con cinismo a dir poco osceno dall’ambasciatore kazako, che ha gestito i ministri, sottosegretari e polizia italiana come un burattinaio fa con le sue marionette”.

Fo inizia il racconto introducendo il personaggio di Nazarbayev, “il satrapo orientale”, e la ricchezza del Kazakistan: “Tu che siedi sul trono dei cieli, o supremo creatore immortale, hai versato su noi, tuoi fedeli, il petrolio e il gas naturale. Madre terra, signora possente dei metalli e degli idrocarburi, tieni in carica il gran presidente ora e sempre. E speriamo che duri!”.

La storia prosegue con l’entrata in scena di Ablyazov, ministro dell’Energia, che “al pari di Bruto, figlio di Cesare, palesa un grande difetto: pretende che nella gestione di quell’enorme macchina di ricchezza gli ingranaggi e le ruote dentate si muovano senza mordere prebende e sontuosi vantaggi privati”.

Fo descrive quindi il “pasticciaccio italiano”. “A ‘sto punto, se dobbiamo credere alla versione dei kazaki, i nostri ministri, uno appresso all’altro, avrebbero raccontato fandonie da brighella”, scrive il Nobel, che conclude il racconto con le parole del Capo dello Stato Giorgio Napolitano: “Ogni passo falso in merito alle denunce, anche se veritiere, ci pone nel pericolo di contraccolpi politici che ci farebbero schiattare! Perciò silenzio, acqua in bocca e fatevi i gargarismi cantando l’inno nazionale!”.

Leave a Reply

L’Eurogruppo sulla Grecia verso la fumata grigia. Tsipras chiama Draghi: non si faccia influenzare

L’Eurogruppo sulla Grecia verso la fumata grigia. Tsipras chiama Draghi: non si faccia influenzare

Bruxelles: la lista delle riforme di Atene non è completa. Via al piano di acquisto titoli della Bce: 60 miliardi di euro al mese per rilanciare il credito e aumentare i consumi

[leggi]

Crisi ucraina, via al vertice Nato in Galles

Crisi ucraina, via al vertice Nato in Galles

A Newport i membri dell’Alleanza pronti a fare i conti con le possibili conseguenze di un’escalation militare. La Russia dispone di 845mila soldati La Nato oggi si trova di fronte a un vertice cruciale per la crisi ucraina, di fronte …[leggi]

“Rimani in Russia”

“Rimani in Russia”

Dopo la condanna di Manning parla il padre di Snowden In una serie di iniziative mediatiche, il padre di Snowden si schiera in difesa del figlio Ed In un messaggio trasmesso dalla tv pubblica russa, Lonnie Snowden ha salutato il …[leggi]

Powered By AK Featured Post